lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alitalia. Il Commissario Gubitosi rassicura sulle perdite
Pubblicato il 22-11-2017


gubitosiNel secondo semestre del 2017 l‘Ebitda di Alitalia sarà positivo dopo i 73 mln del periodo giugno-ottobre, e alla fine dell‘anno la compagnia avrà in cassa circa “800 milioni di euro”. Nel corso di una audizione alla Camera, uno dei tre commissari straordinari della compagnia, Luigi Gubitosi rassicura sulla tenuta economica di Alitalia. Dopo quattro anni in negativo, quindi i ricavi tornano a crescere dell’1%, ma la strada è ancora in salita perché all’orizzonte c’è l’inverno, periodo durissimo, come per altre compagnie aeree.
Al 31 ottobre, in cassa c‘erano “845 milioni, a ieri 849 milioni”, ha detto Gubitosi, che ha aggiunto che Alitalia possiede un “deposito di 118 milioni presso Iata, che sarà restituito” alla compagnia.
Gubitosi ha poi comunicato alcuni dati relativi ai ricavi dell‘azienda da giugno a ottobre che sono stati pari “1 miliardo e 432 milioni nei 5 mesi in esame”.
“Nel 2017 siamo circa all‘1% in più prendendo tutto l‘anno. Per la prima volta negli ultimi 4 anni dovrebbe esserci una stabilizzazione e una indicazione di trend leggermente positivo”.
Sempre nel periodo giugno-ottobre, ha aggiunto il manager, il risultato netto è stato negativo per 31,3 milioni. “Il nostro corto e medio raggio ha sofferto la forte concorrenza delle low cost”, fa sapere il Commissario che spiega: “Per questo abbiamo dovuto avviare un adeguato piano di pricing che sta cominciando a dare risultati. Impegnativa anche la sfida sull’intercontinentale: abbiamo registrato un traffico di 2,7 milioni di passeggeri intercontinentali, ma ci sono almeno 4 milioni di italiani che viaggiano con altri vettori su queste rotte. Ecco perché abbiamo cercato di intervenire sull’azienda per individuare un nuovo posizionamento sui vari segmenti”.
“Ma devo placare gli entusiasmi – ha concluso Gubitosi – perché questi risultati arrivano nel periodo migliore per una compagnia. L’inverno non sarà così esaltante, verranno mesi freddi e bui per tutti. Per la cassa abbiamo disponibile quasi tutto il finanziamento pubblico e lo abbiamo ricostituito. Ci sono ancora a disposizione 845 milioni di euro e abbiamo depositato alla Iata per garanzia circa 118 milioni di euro in contanti a copertura delle nostre attività. Anche per il carburante siamo a posto almeno fino a marzo. Alitalia, negli ultimi dieci anni, non ha mai avuto così tanta liquidità”.
Sull’ex compagnia di bandiera è intervenuto anche il ministro Carlo Calenda che ha affermato: “L’offerta di Lufthansa, com’è oggi, va migliorata, l’impegno è a migliorarla”. Il ministro dello Sviluppo economico ha ribadito: “Su Alitalia quello che mi importa è che gli che italiani abbiano collegamenti più efficienti possibili e si mettano meno soldi possibili”. La situazione, conclude, “non deve ricadere sulle spalle degli italiani”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento