martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

I videogiochi diventano uno sport: presto li vedremo alle Olimpiadi?
Pubblicato il 02-11-2017


joystick

Clamorosa svolta del CIO: i celebri videogames saranno riconosciuti a tutti gli effetti come delle attività sportive. Al pari di altri sport come calcio, tennis, atletica ecc., dovranno rispettare le leggi anti-doping e non incentivare il gioco d’azzardo

ROMA – Strano, ma vero: i videogiochi sono considerati come dei veri e propri sport e presto potranno sbarcare alle Olimpiadi. La svolta arriva dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO), che ha riconosciuto i videogames come delle attività a sportive a tutti gli effetti. Per essere tali, dovranno però rigorosamente rispettare le leggi anti-doping e garantire la repressione del fenomeno scommesse.

FENOMENO IN CRESCITA – Questo il comunicato del CIO: “Gli e-sports competitivi possono essere considerati un’attività sportiva, e i giocatori coinvolti si preparano e allenano con un’intensità che può essere paragonata a quella degli atleti delle discipline tradizionali”. Nella nota si legge che si tratta di un fenomeno “in forte crescita, in particolare fra i giovani dei vari Paesi, e ciò può essere la piattaforma per un coinvolgimento nel movimento olimpico”. Nonostante una certa titubanza sull’argomento del presidente del Cio, Thomas Bach, sembra proprio che la strada per considerare i videogiochi disciplina olimpica sia in discesa. Non stupiamoci dunque se ai prossimi Giochi Olimpici, oltre a vedere un rigore di Messi, un ace di Nadal e o una schiacciata di Lebron James, assisteremo ad una competizione con sedia, televisore e joystick con tanto di medaglia d’oro e inno nazionale annessi.

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento