lunedì, 11 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

MANOVRA IN CORSO
Pubblicato il 27-11-2017


senato aula

Slitta l’approdo in Aula della manovra. Arriverà in Aula al Senato mercoledì mattina alle 9,30 anziché oggi, la manovra finanziaria. Lo ha annunciato all’assemblea il presidente del Senato, Pietro Grasso, all’inizio dei lavori dell’assemblea di Palazzo Madama. Il rinvio è stato chiesto dal presidente della commissione Bilancio, Giorgio Tonini, per avere “ancora qualche ora di tempo per completare il nostro lavoro” e per “utilizzare tutta la giornata di domani” in modo tale da “arrivare in Aula sperabilmente con il mandato per mercoledì”.

Diverse le novità che sono state inserite in queste ore durante i lavori della Commissione. Tra queste quella del “’caregiver” secondo il quale chi si prenderà cura di un familiare potrà contare su un sussidio statale. La novità spunta in Senato ed è stata inserita per emendamento alla manovra dalla Commissione Bilancio del Senato. La proposta di modifica, prima firma di Laura Bignami (Misto), sottoscritta da tutti i gruppi, istituisce un fondo per il sostegno ai cosiddetti ‘caregiver’ familiari, ovvero coloro che assistono e si prendono cura di persone all’interno del nucleo familiare, con una dotazione iniziale di 20 milioni di euro l’anno nel triennio 2018-2020. Tali risorse copriranno interventi legislativi finalizzati al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale del caregiver familiare. Il sostegno sarà quindi destinato alla persona che assiste e si prende cura del coniuge, di una delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, o di familiare fino al terzo grado che non si autosufficiente, sia ritenuto invalido o sia titolare di indennità di accompagnamento.

Tra le novità anche l’inserimento di un fondo di 2 milioni di euro l’anno per il triennio 2018-2020, per finanziare le manifestazioni di carnevale. Ma come ha annunciato il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, la Commissione ha dato anche il via libera ad un emendamento introduce un tax credit per tutte le librerie. Un aiuto fiscale per sostenerle e per salvare, soprattutto le più piccole, dal rischio di una chiusura”.

Soddisfazione è stata espressa da Cristina Giussani, presidente del Sindacato italiano librai Confesercenti, che ha spiegato come lo sconto sia maggiore, fino a 20.000 euro, per le librerie indipendenti, mentre per gli altri esercenti arriva a 10.000 euro (limite di spesa è 4 milioni nel 2018 e a 5 milioni annui dal 2019)”.

Un tema si cui molto si è discusso nelle settimane passate e su è stato trovato un un accordo in extremis tra governo e maggioranza, è quello del superticket e del suo alleggerimento. “La riduzione dell’incidenza del superticket” si avrà “aumentando le fasce di esenzione a favore delle categorie più deboli”. Governo e maggioranza hanno quindi raggiunto l’accordo sull’alleggerimento del superticket sanitario in legge di bilancio. Ad annunciarlo è Giorgio Santini, capogruppo Dem in Commissione Bilancio. L’emendamento sarà votato domani dalla commissione Bilancio del Senato e prevede un Fondo di 60 milioni di dotazione iniziale che potrà anche essere incrementata successivamente alla Camera.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento