martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Non attenderemo Godot
Pubblicato il 23-11-2017


Spesso le immagini descrivono un evento molto più di mille parole, specie se pronunciate in libertà.

La conferenza stampa del 22 novembre di Bobo Craxi in cui ha annunciato l’ennesima giravolta che arricchisce il suo curriculum politico più unico che raro (in poco meno di 20 anni dal centrodestra alla sinistra massimalista), plastica dimostrazione di un camaleontismo che ha pochi eguali, è apparsa surreale uditi gli argomenti usati per giustificare l’ingresso nell’Mdp suo e del manipolo di sventurati seguaci che lo sostiene.

Non è necessaria un’approfondita esegesi del suo debol pensiero, che è tale perché muove da una menzogna ovvero che “I socialisti sono da 20 anni senza una casa comune” (sic!), per definire le affabulazioni infarcite di non verità , risibili per la loro inconsistenza e sconcertanti per le conclusioni.

Chissà se ai due imbarazzati anfitrioni di Bobo, presenti in ordine sparso all’evento, dopo aver ascoltato le sue parole in libertà, sarà corso qualche brivido sulla schiena?

L’impressione che hanno dato è che non sprizzassero felicità e soddisfazione, salvo la probabile, segreta e vana speranza di poter arrecare qualche danno al Psi, esercizio in cui i nipotini di Berlinguer si applicano con indefessa solerzia.

Uno , il sempre più esangue Roberto Speranza, è arrivato in sala a metà conferenza e, nonostante l’invito a sedersi al tavolo dei relatori, ha preferito declinare, per poi, a richiesta, pronunciare un fervorino con i crismi del minimo sindacale.

L’altro, il simpatico Arturo Scotto, incapace di emanciparsi dell’oratoria da Agit-prop 2.0 che è la cifra costante dei suoi interventi pubblici, dimentico che solo poco meno di 10 anni fa l’ineffabile Bobo lasciò il Partito Socialista, macchiatosi, a suo dire, della colpa di aver stretto un’alleanza elettorale “con i nostri carnefici”, si è lanciato in un poco credibile panegirico dei socialisti che aderiscono al progetto dalemian-bersaniano, proprio mentre, vedi caso, il leader designato, Pietro Grasso, diffondeva un comunicato in cui, altro Italo Amleto, non dava per scontata l’ assunzione della leadership dell’ Mdp.

Per loro dunque un pomeriggio non esaltante, conclusasi con immagini di strette di mano sincere quanto un falso della Gioconda .

I due non avevano di che essere molto allegri: aspettavano Pietro e si sono ritrovati ad aprire la porta solo a Bobo.

A noi, per nulla attoniti osservatori perché consapevoli, conoscendolo bene, che per lui le porte dei partiti sono sempre girevoli, non resta che attendere di capire quando infilerà la direttrice verso l’uscita.

Non sarà come attendere Godot.

Emanuele Pecheux

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Mi esimo dall’esprimere valutazioni politiche sulla questione specifica, mancandomi gli elementi per poterlo fare, ma se questo caso viene preso ad esempio di “camaleontismo” o “trasformismo”, a me sembra che non sia un episodio isolato perché ho presente più d’uno che dal centrodestra – dove si era collocato dopo la fine del vecchio PSI – si è poi diretto nel corso degli anni verso sinistra.

    Mentre c’è stato invece chi è rimasto fermo a quella prima tappa, ritenendo di non poter andare con quelli che, sul piano politico, venivano allora considerati, a torto o ragione, i “nostri carnefici”, e che ci sembravano lontani dai principi del garantismo, e anche da una visione riformista delle cose (un sentimento che all’epoca ricordo piuttosto diffuso nelle nostre fila).

    Solo il tempo ci dirà se, ai fini di una eventuale rinascita socialista, porterà maggior frutto la “coerenza” dei secondi, pur se non nell’immediato, o se tornerà invece più utile la tesi di quanti ritengono che non si può restare legati al passato, ma occorre guardare avanti e rimuovere anche il risentimento di quei tempi, così da poter riguadagnare fin da ora quanti più spazi possibile, come voce e rappresentanza del pensiero socialista (se si teorizza questa linea, va verosimilmente consentito che ciascun “rappresentante” scelga la propria strada per farlo, almeno a mio modesto parere).

    Paolo B. 25.11.2017

Lascia un commento