giovedì, 15 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Not in my name
Pubblicato il 07-11-2017


Errare è umano, perseverare diabolico: da codesto vizietto i post Pci-Pds-Ds proprio non riescono ad emendarsi: agevolare l’ingresso di magistrati (in servizio o in pensione poco cambia) in politica.  L’elenco è lungo e il buon Bersani non demorde: dopo averlo imposto, cinque anni fa, come (poco apprezzato) Presidente del Senato ora giunge a proporre Pietro Grasso come leader del Csx. (!!!)
Non in mio nome (per quel che vale) e, spero fortemente, non in nome di chi, nel Csx crede che la separazione dei poteri sia fondamento della democrazia e dello stato di diritto.

Emanuele Pecheux

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento