martedì, 21 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Andrea Zirilli:
Integrare scuola e lavoro
Pubblicato il 13-11-2017


Molte aziende quando offrono una posizione lavorativa riscontrano un “disallineamento” tra le skills possedute dai potenziali candidati e le competenze richieste per quel tipo di lavoro. Questo genera un “mismatch”, un paradosso assurdo in un periodo di alta disoccupazione. Sembra quindi che ci sia un mancato allineamento tra domanda e offerta di lavoro e che molti lavoratori si trovino a svolgere spesso delle mansioni non correlate alla propria professionalità. Al fine di trovare le persone giuste per una posizione offerta, servono interventi strutturali e non legati alla contingenza del momento. Bisogna partire dalla domanda delle aziende e da lì la scuola, a tutti i livelli, deve costruire le risposte co-progettando percorsi formativi ad hoc con le stesse aziende, senza dimenticarsi che una percentuale delle posizioni lavorative che esistono oggi, domani saranno obsolete.

Serve capire che solo l’integrazione tra scuola e lavoro favorisce l’acquisizione di competenze e aiuta l’orientamento alle future scelte professionali. Ognuno, nella ricerca del suo lavoro, deve seguire le sue inclinazioni ma è anche giusto sia consapevole di ciò che chiedono le aziende. Se emerge che “la capacità di gestire la complessità” è una competenza mancante e che le aziende cercano lavoratori “digital oriented”, da qui si deve partire. Le aziende che sapranno orientare e progettare con la scuola, innescheranno un meccanismo positivo di formazione di competenze. Sono le stesse aziende dove le nuove generazioni aspireranno ad andare a lavorare.

Andrea Zirilli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento