martedì, 12 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Siemens taglia 6.900 posti e chiude due fabbriche
Pubblicato il 16-11-2017


siemens

Siemens taglia 6.900 posti nel mondo e chiude due fabbriche in Germania. I tagli verranno fatti nei prossimi. Il colosso tedesco, che nei giorni scorsi aveva annunciato “tagli dolorosi”, ha ufficializzato oggi la decisione a Monaco. La metà degli impieghi sarà soppressa in Germania, 1’100 nel resto d’Europa e 2’500 in altri continenti, di cui 1’800 negli Stati Uniti.

Con la ristrutturazione il gruppo reagisce al cambiamento strutturale in corso nel settore delle energie fossili e delle materie prime, si legge in una nota. La divisione più colpita è “Power and Gas”, con la prevista cancellazione di 6’100 impieghi, di cui 2’600 in Germania. L’altro comparto coinvolto dal ridimensionamento è quello dei processi industriali. Il sindacato Ig Metall ha commentato aspramente la decisione, annunciando battaglia: “Un taglio di posti di queste dimensioni, alla luce della eccellente situazione dell’impresa, è inaccettabile”. Secondo il sindacato, inoltre, con le misure previste, “si ignorano i problemi strutturali” e a pagare sono solo i lavoratori.

Gli stabilimenti che verranno chiusi sono quelli di Görlitz(720 impieghi) e Lipsia (200). Inoltre le attività Solutions nei siti di Offenbach e Erlangen saranno riunite. Altri 640 posti saranno cancellati a Mülheim an der Ruhr e 300 a Berlino. Lo stabilimento di Erfurt potrebbe inoltre essere venduto. Contattata dall’ats, la società indica che la Svizzera dovrebbe essere interessata solo marginalmente: nelle divisioni interessate Siemens non è attiva nella Confederazione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento