mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un carissimo saluto
a Oliva e a Carlo
Pubblicato il 16-11-2017


La vita ti mette continuamente alla prova anche con terribili dolori. Quando muore una persona cara è un colpo micidiale perché mette in discussione te stesso e il tuo perimetro sperimentato e consolidato di vita. Se poi ti lascia una persona ancora giovane, in gamba, amata il colpo è fortissimo. Io ho conosciuto solo casualmente e di sfuggita Oliva, ma mi è bastato per apprezzarne la gentilezza, la forza, la sensibilità d’animo.

Tutti a una certa età, purtroppo, abbiamo dovuto fare i conti con la scomparsa di una persona amata. Anch’io, troppo prematuramente, ho perduto mio padre quando ero ancora un ragazzo. È un dolore insopportabile che porto ancora adesso dentro, ti costringe a fare i conti con te stesso, il presente e il futuro.

Con sforzi inauditi si riesce ad andare avanti. Carissimo Carlo, ti sono e ti siamo vicini. Il tuo dolore è anche il nostro. Sei un uomo saldo, fortunatamente. A un certo punto è lo stesso dolore che ti aiuta a riprendere a camminare, le incombenze e le necessità quotidiane fanno il resto. Aiutano tanto gli affetti e tu Carlo, sei amato e stimato da figli, amici e compagni di lavoro. Un carissimo saluto a Oliva e a te.

R.Ru.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento