giovedì, 18 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

All’Ordine dei Medici di Roma vince la lista “Medici Uniti”
Pubblicato il 12-12-2017


foad7“Come presidente di AMSI, Associazione Medici Stranieri in Italia,e UMEM, Confederazione Internazionale Medica Euromediterranea, e da neoconsigliere eletto ora all’Ordine dei Medici di Roma e Provincia nella lista “Medici Uniti”, dico che senz’altro noi appoggiamo e sosteniamo questo sciopero dei medici di oggi, 12 dicembre (ha riguardato i medici ospedalieri, specialmente quelli inquadrati in CIMO e ANAO, e, in piccola parte, delle ASL, N.d.R.)”. E il commento di Foad Aodi, medico fisiatra che si è candidato appunto in “Medici Uniti”. “Perché davvero i medici non ne possono più di lavorare sotto la pressione, da un lato, della medicina “difensiva” ( quel fenomeno, cioè, legato ai cattivi rapporti medici-pazienti, che induce i medici, per cautelarsi, a prescrivere ai pazienti valanghe di esami clinici spesso inutili, con costi enormi per il SSN); dall’altro, dei turni pressanti e del precariato. Mentre continua a mancare, nei presìdi sanitari, il turnover, una programmazione precisa di chi deve andare in pensione e chi lo sostituirà. Siamo, noi di “Medici Uniti”, assolutamente per un esercizio della professione medica più sereno e tranquillo, dal punto di vista economico, amministrativo e della collaborazione con gli altri professionisti della sanità”.

La lista “Medici Uniti”, candidata alle elezioni dell’Ordine dei Medici di Roma e Provincia, svoltesi nella Capitale e nella provincia il 2-4 dicembre, è risultata vincitrice con circa 1600 voti di distacco dalla lista antagonista, sia per il Consiglio direttivo dell’ Ordine che per il Collegio revisori dei conti. Con un programma innovativo, che punta, tra l’altro, alla valorizzazione della professione medica, alla difesa del diritto alla salute universale, al contrasto della medicina “difensiva” e delle “cure fai da te”, e allo sviluppo dell’occupazione giovanile, la lista è composta da un direttivo che riunisce medici italiani e d’ origine straniera.
“Ringraziamo tutti i colleghi che han partecipato alle elezioni, che hanno recepito il nostro messaggio coraggioso e ci hanno portato alla vittoria”: a dichiararlo è appunto il Prof. Aodi, che riconferma il suo quarto mandato al Consiglio dell’Ordine con 3301 voti, con la partecipazione di migliaia di colleghi italiani e internazionali al voto in blocco della lista.

“Sono fiero”, prosegue Aodi, “come medico e come cittadino italiano e internazionale, di continuare a offrire il mio contributo per migliorare più che potremo il nostro sistema sanitario; ringrazio i colleghi della “squadra”, coi quali sono andato avanti in questo percorso di vittoria. Ringrazio, in particolar modo, il Movimento “Uniti per Unire”, transculturale, internazionale e interprofessionale, l’Amsi, la Confederazione Internazionale UMEM e tutte le realtà aderenti, che han sostenuto in blocco il nostro Consiglio Direttivo. Al loro sostegno rispondiamo che siamo pronti a concretizzare gli obiettivi proposti e a soddisfare le aspettative di quanti hanno creduto in noi, senza personalismi o protagonismi: perché solo uniti possiamo aiutare insieme medici e pazienti, valorizzando il nostro Ordine. Avanti anche con la nostra proposta d’ una Confederazione interprofessionale, che raccolga tutti gli albi e Ordini professionali, e quei professionisti della sanità che lavorano senza essere ancora supportati da un Ordine: per combattere le problematiche comuni a tutte le professioni, come la medicina difensiva, la fuga dei cervelli, la sottopaga, la disoccupazione e il precariato”, conclude Aodi: che è anche Membro del “Focal Point” per l’ Integrazione in Italia per l’ Alleanza delle Civiltà-UNAOC (0rganismo ONU), e già esperto al Consiglio Superiore di Sanità.

Fabrizio Federici

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento