martedì, 21 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nuovo fronte sulle banche. Gentiloni difende Boschi
Pubblicato il 15-12-2017


Boschi-conflitto interessiGentiloni difende Boschi. Ma si apre un nuovo fronte banche. Maria Elena Boschi “ha chiarito” e “sarà candidata con il Pd”. Auspicabilmente, “con successo”, afferma il presidente del Consiglio. Dopo la tempesta che si è abbattuta ieri su di lei, Paolo Gentiloni si schiera al fianco della sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio. Una risposta alla richiesta di dimissioni arrivata da parte delle opposizioni – tutte tranne Forza Italia che, al momento, mantiene un atteggiamento più cauto – e in particolar modo dal candidato premier M5s, Luigi Di Maio, fermo nel chiedere al Pd di non ricandidare l’esponente del governo.

La campagna elettorale è già cominciata, ma tra i Cinque Stelle, sembra chiara la volontà di puntare forte sulla questione della candidatura Boschi per ‘piegare’ il Partito Democratico. Questo, almeno, l’avviso di molti esponenti del Nazareno. Un allarme che spiega anche la ‘batteria’ di comunicati e tweet arrivati dai parlamentari piu’ in vista, a cominciare dal tesoriere, Bonifazi, per continuare con il senatore Andrea Marcucci fino ad arrivare allo stesso Renzi. A scatenare la polemica sono state le dichiarazioni di Giuseppe Vegas, presidente Consob, già nel mirino del Pd per la gestione delle crisi bancarie. Vegas, in audizione in Commissione, ha infatti spiegato di avere incontrato Boschi in almeno una occasione e che, durante il colloquio, l’allora ministro per i Rapporti con il Parlamento gli aveva manifestato la propria preoccupazione per lo stato di banca Etruria e per la possibilità che questa venisse assorbita da Popolare Vicenza. Una soluzione che – ad avviso della Boschi, così come riportato da Vegas – avrebbe portato nocumento al distretto dell’oreficeria di Arezzo. Di qui la richiesta delle opposizioni che leggono le parole della sottosegretaria come un tentativo di esercitare “pressioni” su una autorità di garanzia come Consob.

E attorno alla parola “pressioni” si consuma lo scontro tra Pd e opposizioni. Boschi, infatti, non smentisce la ricostruzione di Vegas, ma sostiene che durante l’incontro non c’è stata alcuna richiesta di intervento di Consob e, quindi, nessuna pressione. Per M5s, Lega e Mdp al contrario la partecipazione dell’allora ministro all’incontro con Vegas e le sue parole sarebbero bastate ampiamente a mettere in seria difficoltà il presidente Consob. Di qui la richiesta di dimissioni.

“Nell’incontro non ci vedo nulla di strano”, un ministro è pienamente legittimato ad incontrare il presidente di una autorità di garanzia”, ha spiegato Renzi in diretta tv. Boschi, poi, ha aggiunto alla sua ricostruzione il fatto di aver incontrato anche l’ex ad di Unicredit, Ghizzoni, precisando che, anche nell’occasione, nessuna pressione è stata fatta per ottenere corsie preferenziali per l’istituto aretino. L’ultimo capitolo in ordine di tempo è quello scritto oggi dal numero uno di Banca Veneta, Vincenzo Consoli che in commissione banche ha riferito di avere incontrato Maria Elena Boschi e suo padre nella casa di famiglia a Pasqua del 2014, aggiungendo che l’allora ministro non profferì parola.

Sulle ragioni dell’incontro Consoli ha spiegato che “avvenne perché sapemmo che Etruria aveva ricevuto da Bankitalia una lettera simile alla nostra” nella quale si chiedeva l’aggregazione con un partner “di elevato standing”. E nella lettera veniva indicata proprio Banca Popolare di Vicenza. “Dopo quell’incontro – ha proseguito Consoli – non ho mai più visto né sentito la ministra Boschi”. Nella sua ricostruzione l’ex amministratore delegato ha specificato che avrebbe voluto incontrare anche Matteo Renzi per avvisarlo “che la riforma delle Popolari poteva essere pericolosa. “Recentemente gli ho scritto due lettere ma non ho mai ricevuto risposta”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento