martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Di Maio inciampa sull’Euro e fa retromarcia
Pubblicato il 18-12-2017


di-maio-755x515

A Di Maio piace spararle grosse, anche per vedere l’effetto che fa. Come diceva la canzone. Ma a volte esagera e si trova costretto a correggere e, con qualche carpiato, cercare di non smentire troppo se stesso. Questa volta l’occasione è l’Euro. Di Maio ingolosito dalla voglia di accarezzare la pancia a chi vede nell’Euro la causa di tutti i mali e dall’intento di sottrarre qualche elettore alla Lega, se ne esce con una frase alla Salvini: “Se dovessimo arrivare al referendum sull’uscita dall’Euro, che per me è l’extrema ratio, se ci dovessimo arrivare è chiaro che sarei per l’uscita perché vorrebbe dire che l’Europa non ci avrebbe ascoltato su nulla, ma prima proverei a ottenere risultati andando in Europa”. Tutto soddisfatto per l’uscita buttata nel mucchio Di Maio contava già i voti in più che questa improbabile sparata gli avrebbe fatto conquistare.

Sostenere l’adesione a un ipotetico referendum per “la fuoriuscita dall’Euro è pura follia” afferma il segretario del Psi Riccardo Nencini. “Vi spiego cosa significa: pensionati che con la lira in tasca arriverebbero a metà mese. Debito pubblico insostenibile. Investitori stranieri in fuga. La speranza di Di Maio è un’Italia in bancarotta”. Il segretario del Pd, Matteo Renzi, su Twitter ironizza: “Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l’uscita dall’Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l’economia italiana”. E il deputato dem Emanuele Fiano aggiunge: “Oggi, giorno pari, Luigi di Maio vuole uscire dall’Euro, naturalmente con referendum. Domani giorno dispari chissà. È ancora scosso dalla botta presa sulle pensioni d’oro. A proposito, il referendum non si può fare”. Insomma per Fiano si tratta un’altra giravolta: “Di Maio indietro tutta. La sua vita oramai è tutta una precisazione”. E ancora: “Il valore delle sue parole è pari a zero, le sue promesse non hanno valore che per qualche ora. I 5 Stelle dicono tutto e il contrario di tutto. È un problema serio e capiamo ancora meglio perché i 5 Stelle si oppongano ad una legge sulle fake news”.

Alla fine della giornata Di Maio ritratta: “L’obbiettivo di governo del MoVimento 5 Stelle non è assolutamente l’uscita dall’euro, ma rendere la permanenza del nostro Paese nella moneta unica una posizione conveniente per l’Italia. La nostra posizione è una scelta pragmatica, non ideologica”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento