mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il dado è tratto:
la rinuncia di Grasso!
Pubblicato il 07-12-2017


Al lettore, preso in contropiede dal titolo proprio mentre il Presidente Grasso per acclamazione diventa leader di “Liberi ed eguali” la forza di sinistra alternativa al PD, debbo immediatamente la spiegazione del titolo “La rinuncia di Grasso”! Rinuncia a cosa?

Con la massima sintesi direi a rappresentare il futuro Cincinnato chiamato a salvare il dopo elezioni. Il Presidente del Senato, ancorchè uscente ma con la continuità della Presidenza della Repubblica poteva essere uno dei più papabili per un sempre più probabile governo del Presidente. Già seconda carica dello stato, caratterizzato da una sostanziale terzietà ed autonomia a cui si è attenuto durante il suo mandato (fino all’ultimo lo si spera) era una delle personalità più spendibili da parte del Capo dello Stato per possibili convergenze onde dare un governo al Paese in attesa di un chiarimento tra le forze politiche del ciascuno contro tutti fuori ed anche dentro le coalizioni. Non ci vuole un mago, a meno di un miracolo, per prevedere che il tanto auspicato proclamato vincitore allo spoglio subito dopo l’elezioni allo stato attuale è un miraggio che sarà fatto balenare dai tre maggiori concorrenti alla competizione elettore con la logica del voto utile. Più realistico è che se ci sarà un vincitore sarà quello che avrà perso di meno rispetto alle previsioni e che per non aggravare le sorti del Paese si ricorrerà anzi si invocherà un governo del Presidente con la raccomandazione che non sia un tecnico tipo Monti che potrebbe essere accusato di sudditanza almeno psicologica di fronte agli eurocrati di Bruxelles. Tutto sembrerebbe congiurare per convergere su di una personalità come Grasso, ormai fuori gioco dopo la scelta fatta.

Quand’anche si andasse ad un alleanza tra 5stelle e la neoformazione di Grasso è fuori logica che il capo del Governo possa essere il leader della forza minore, si guarderà fuori ed oltre. Né può essere accusato Grasso di averlo fatto per assicurarsi un seggio sicuro al Senato perché come da lui stesso ammesso gli è stato offerto anche dal PD se non altro per sfilarlo ai suoi concorrenti a sinistra.

Né il ruolo di Grasso nella nuova formazione troppo composita pare possa assumere il carisma di una leadership riconosciuta dopo essere servita ad ampliare il consenso intorno ai dissidenti ex PD. Comunque la si giri e rigiri la scelta di Grasso appare la rinuncia ad un ruolo alla Cincinnato, più congeniale al personaggio, tenendo presente come già accaduto con Monti che Mattarella avrebbe potuto senza opposizioni di sorta nominarlo Senatore a vita.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento