sabato, 18 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

L’utopia e la vanità di Bertinotti sulla sinistra
Pubblicato il 15-12-2017


bertinottiFausto Bertinotti torna a parlare della politica e soprattutto a criticare lo schieramento a sinistra. Dopo aver invitato la sinistra a boicottare le prossime elezioni politiche sostenendo che “saltare un giro sarebbe una manifestazione di grande coraggio politico intellettuale, vale a dire: siamo stati sconfitti in questa vicenda storica, ci ricostruiamo nel rapporto con il popolo e la società”. Oggi l’ex leader di Rifondazione punta il dito contro il neo leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso: “Pietro Grasso e LeU? Se ci fosse una sinistra, forse si sceglierebbe come leader uno che proviene dalla sua storia”. Fausto Bertinotti nell’affermarlo a “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio1, corregge però il tiro: “Stimo molto Grasso e gli sono molto amico, ma la sinistra ormai per presentarsi non può usare questo nome e non può candidare una persona che viene dalla sua storia. Questa mimetizzazione è causa ed effetto della sua dipartita”. Grasso non è molto di sinistra? “No, dico semplicemente – ha spiegato – che non appartiene alla storia della sinistra socialista e comunista”.
Bertinotti anche se parla di sinistra è sempre più affascinato dall'”instabilità politica” targata cinquestelle, aveva infatti affermato su Il Manifesto: “Loro sono ’antisistema’ però solo sul versante ’politico’. Ma il sistema è quello capitalistico. In ogni caso: a loro sono interessato perché contribuiscono a battere il partito della stabilità (il Pd, ndr). Scriverò l’elogio dell’instabilità. La stabilità è il nostro nemico, batterla è la condizione per tornare a respirare”. E aveva poi specificato: “Il Pd è il sacerdote della stabilità, il M5S si è costruito all’opposizione del sistema politico, introduce contraddizioni. E se cambiassero linea sui migranti passerei a un atteggiamento anche più coinvolto. Perché loro sono in conflitto con le élite, basso contro alto, esattamente il terreno che dovrebbe praticare la sinistra”.
Ma l’uomo che invoca l’instabilità, lo stesso che si è sempre vantato di aver fatto cadere il Governo Prodi nel 1998, in realtà arriva a scenari ancora più loschi sul futuro dell’Italia e dell’Europa, in una recente intervista a Sussidiario.net Bertinotti arriva a presagire: “Se la politica viene meno al suo compito, ci restano o il neo-autoritarismo o la guerra civile”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Fausto Bertinotti, il nato socialista diventato comunista (come tanti del resto), il sindacalista che si vantava di non aver mai firmato un contratto con il padrone, il “rivoluzionario radical-chic”, movimentista, sconfitto dalla storia, che guarda a CL, ma flirta con il M5S. Lui non è cambiato, il mondo intorno sì!

Lascia un commento