mercoledì, 13 dicembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Onestà, onestà
Pubblicato il 06-12-2017


Si fa un gran parlare (ne hanno scritto Galli della Loggia sul Corriere cui ha risposto Biagio de Giovanni su Il mattino) dei caratteri dei Cinque stelle. Si possono definire eversivi ma certo si possono definire, a giudizio di entrambi, ignoranti. Tralascio il resto e metto in campo tre osservazioni: una sulle anomale caratteristiche del partito, la seconda sulla inadeguatezza della sua classe dirigente e la terza sul valore della proclamata onestà. Ne scrivo perché non si può evitare di parlare di un movimento che alle prossime elezioni viene pronosticato come il primo partito italiano e che dunque potrebbe, qualora le combinazioni possibili per comporre una maggioranza di centro-destra, di centro-sinistra o di unità nazionale dovessero risultare impossibili, anche assumere responsabilità di governo.

Sul piano della natura del partito i Cinque stelle vantano due prerogative del tutto contraddittorie. Una si poggia sulla cosiddetta democrazia diretta dei loro iscritti praticata attraverso il web. Parlamentarie, primarie, anche misure disciplinari sono decise dagli iscritti (che sono una quantità ridotta), e non da platee aperte come avviene nel Pd, sulla base di rigide indicazioni nazionali. Da sottolineare che anche i provvedimenti disciplinari (che si sono spesso trasformati in veri tribunali del (poco) popolo), sono poi stati riformulati alla luce degli interessi del movimento (vedasi la diversa attenzione agli avvisi di garanzia se pervenuti ai suoi esponenti o agli altri). Tutto questo però é gestito rigidamente da chi possiede le chiavi del potere mediatico e che mantiene la leadership materiale del movimento: la Casaleggio srl. Dopo la morte del padre, come in una monarchia o in una semplice azienda privata, il potere reale é passato al figlio che con Beppe Grillo detiene l’assoluto e inespugnabile dominio del movimento.

Immaginiamo dunque che questa sorta di monarchia a democrazia diretta si trasferisca a Palazzo Chigi. Il candidato premier Giggino Di Maio non sarebbe un uomo libero o solo condizionato dalle maggioranza parlamentari e politiche del suo partito. Sarebbe l’inviato di un leader, un comico, a sua volta pilotato da una società privata con al vertice l’erede del capo. Un pasticcio di proporzioni tali che il conflitto d’interesse di Berlusconi impallidisce. Ma veniamo al secondo punto. Quale esperienza politica o anche solo amministrativa ha maturato la classe dirigente dei Cinque stelle e con quale programma sui temi dell’economia, della politica estera, in particolare sull’Europa e l’immigrazione, avrebbero intenzione di governarci costoro? A parte la trovata del reddito di cittadinanza e l’ultima uscita sul rimborso per tutti i risparmiatori derubati dalle banche (lo stato che si fa carico delle malefatte dei privati con soldi recuperati da indefiniti tagli di spesa), manca un progetto. Lasciamo perdere la triste esperienza della giunta Raggi a Roma, roba da stropicciarsi gli occhi, ma quali sarebbero le personalità dei Cinque stelle, oltre al futuro presidente Di Maio, che potrebbero onorevolmente rappresentare l’Italia in Italia e nel mondo?

Loro sono onesti, almeno. Questo si sente dire in giro. Come se tutti gli altri fossero disonesti (anche Berlinguer era finito in questo imbuto). Ma anche se fosse vero, può bastare? Pubblico a tal proposito una pagina di Benedetto Croce ripresa dal suo Etica e politica, che sembra scritto oggi da un provocatore incallito e degno di immediate reprimende da parte del nuovo showmen televisivo Piercamillo Davigo: “Quel che canta nell’anima di tutti gli imbecilli e prende forma nelle non cantate prose delle loro invettive e declamazioni e utopie, è quello di una sorta di areopago, composto di onest’uomini, ai quali dovrebbero affidarsi gli affari del proprio paese. Entrerebbero in quel consesso chimici, fisici, poeti, matematici, medici, padri di famiglia, e via dicendo, che avrebbero tutti per fondamentali requisiti la bontà delle intenzioni e il personale disinteresse, e, insieme con ciò, la conoscenza e l’abilità in qualche ramo dell’attività umana, che non sia peraltro la politica propriamente detta: questa invece dovrebbe, nel suo senso buono, essere la risultante di un incrocio tra l’onestà e la competenza, come si dice, tecnica. Quale sorta di politica farebbe codesta accolta di onesti uomini tecnici, per fortuna non ci è dato sperimentare, perché non mai la storia ha attuato quell’ideale e nessuna voglia mostra di attuarlo. Tutt’al più, qualche volta, episodicamente, ha per breve tempo fatto salire al potere un quissimile di quelle elette compagnie, o ha messo a capo degli Stati uomini e da tutti amati e venerati per la loro probità e candidezza e ingegno scientifico e dottrina; ma subito poi li ha rovesciati, aggiungendo alle loro alte qualifiche quella, non so se del pari alta, d’inettitudine. È strano (cioè, non è strano, quando si tengano presenti le spiegazioni psicologiche offerte di sopra) che laddove nessuno, quando si tratti di curare i propri malanni o sottoporsi a una operazione chirurgica, chiede un onest’uomo, e neppure un onest’uomo filosofo o scienziato, ma tutti chiedono e cercano e si procurano medici e chirurgi, onesti o disonesti che siano, purché abili in medicina e chirurgia, forniti di occhio clinico e di abilità operatorie, nelle cose della politica si chiedano, invece, non uomini politici, ma onest’uomini, forniti tutt’al più di attitudini d’altra natura. Ma che cosa è, dunque, l’onestà politica? » si domanderà. – “L’onestà politica non è altro che la capacità politica: come l’onestà del medico e del chirurgo è la sua capacità di medico e di chirurgo, che non rovina e assassina la gente con la propria insipienza condita di buone intenzioni e di svariate e teoriche conoscenze”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore, concordo con la tua analisi e condivido le tue preoccupazioni, ma per onestà intellettuale dobbiamo domandarci se l’approdo a questa situazione non derivi dalla politica praticata dalle forze politiche tradizionali, in particolare modo dalla sinistra nel suo complesso, che non hanno saputo o voluto o potuto interpretare il malessere che da troppo tempo imperversa nella stragrande parte della popolazione, in particolare nei giovani.
    Noto un indirizzo discriminatorio dei media nei confronti non solo di Renzi, ma del riformismo in genere, che non fa altro che portare acqua al mulino dei cinque stelle.
    Non vedo reazioni adeguate, ma vedo una rassegnazione alla preannunciata possibile sconfitta elettorale.
    Siamo entrati ormai in campagna elettorale e il confronto si sviluppa sul surreale: Berlusconi e Di Maio fanno promesse da paese dei balocchi, la gara è a chi la spara più grossa giornalmente in televisione e sui giornali, probabilmente riusciranno a mietere consenso in quella parte di elettori che non si sforzano di ragionare razionalmente, credendo ancora nelle favole.

  2. Analisi impeccabile, Direttore. Non serve a nulla demonizzare il m5s. Bisogna batterlo sul suo campo. Gli si è lasciato fare per troppi anni e il risultato è che milioni di italiani credono di più nei congiuntivi sbagliati di Di Maio e nelle false notizie che molti grillini diffondono su internet che non ai risultati veri e concreti dei governi di Renzi prima e Gentiloni poi. Troppa gente crede alla Boschi al funerale di Riina e non conosce i risultati dell’azione di governo. La domanda che conta è: cosa ha reso il m5s così forte? Risposta: la questione morale, i costi della politica, la disinformazione. È su questi punti che bisogna affrontarlo.
    Cari saluti, Mario.

Lascia un commento