martedì, 18 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
Il colosso delle infrastrutture
Pubblicato il 27-12-2017


La fusione Fs-Anas al via.L’annuncio è stato diffuso su Twitter dal ministro dell’Economia Pier Paolo Padoan.Sarà un potente strumento di investimento e darà ulteriore impulso alla crescita.Il provvido insieme prende forma grazie all’integrazione tra Ferrovie dello Stato e Anas,dopo il via libera del Governo di Paolo Gentiloni arrivato con la firma dei decreti del ministero dei Trasporti e del ministero dell’Economia.Si comporrà con 81 mila dipendenti,più di 108 miliardi di investimenti in dieci anni,un fatturato superiore ai 10 miliardi di euro su una rete di 41 mila chilometri.Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio,gongola affermando “il dado è tratto”ed aprendo al grandissimo gruppo industriale e infrastrutturale italiano.Per l’attuazione effettiva bisogna attendere il parere della Corte dei Conti e dell’Antitrast mentre dovrà riunirsi l’Assemblea delle Fs per il conferimento delle azioni da parte del Mef.L’Amministratore delegato di Fs,Renato Mazzoncini,ha promesso il massimo impegno per realizzare al più presto le molte sinergie identificate nei mesi di studio del Piano industriale delle Fs e “verranno messe a disposizione di Anas tutte le competenze di ingegneria e di processo del Gruppo che hanno consentito inquesti anni a RFI di attestarsi su oltre 4 miliardi di euro in investimenti annuali”.Il processo si concretizza dopo 20 mesi di gestazione da quando il Governo ha avviato la fase esplorativa per la possibile integrazione tra le due società,con l’obiettivo di creare un gruppo infrastrutturale di respiro internazionale.Il Presidente di Anas,Gianni Vittorio Armani,ha rassicurato il partner sul contenzioso Anas che negli anni aveva superato i 10 miliardi e ora si è ridotto di 2,3 miliardi e i fondi disponibili sono conformi.Con l’ingresso nel Gruppo delle Fs l’Anas potrà cogliere le importanti opportunità di crescita che si profilano in Italia e all’estero,con una maggiore efficienza industriale e minore rigidità amministrativa.La questione del connubio Fs-Anas è stata ampiamente diffusa dai giornali.Rimarco alcune considerazioni tratte dalla newsletter di Industria Italiana.Sul matrimonio con Fs il numero uno di Anas,intervistato da Claudio Barnini,spiega perchè secondo lui l’intesa con le Ferrovie è utile.E come lo Stato può girare al Gruppo risultante parte delle accise sui carburanti.L’integrazione con il Gruppo Fs comporterebbe per entrambe le Aziende statali numerosi vantaggi di natura operativa,grazie alle importanti sinergie che Anas potrebbe sviluppare con ITALFERR e RFI ,per esempio nel settore della progettazione e dello sviluppo dell’Intermodalità.Si potrebbe incrementare anche il trasporto merci su ferro.Circa l’aspetto finanziario Anas dovrebbe attuare un meccanismo tariffario regolato che al momento potrebbe riguardare un prelievo sulle accise che gravano sui carburanti,cosa che corrisponde al principio europeo di far pagare a chi usa il consumo di strade e a chi inquina.La missione relativa all’Intermodalità è quella di far funzionare le strade,completare le opere incompiute e soprattutto la modularità,cioè garantire gli scambi intermodali tra la rete viaria nazionale e i porti e gli Interporti.Insomma ferrovie,strade,porti,Interporti e Aeroporti devono essere sempre più connessi,eliminando i colli di bottiglia.Anas e Fs con l’integrazione giocheranno un ruolo da playmaker,dando una regia unica alle infrastrutture per individuare la migliore risposta alla domamda di mobilità.Giunge a proposito la notizia (22-12-2017) dell’inaugurazione della linea ferroviaria Arcisate-Stabio.E’ un opera che serve a collegare il Canton Ticino al Varesotto.Consiste nell’ampliamento del tracciato Fs esistente e il suo collegamento al suolo svizzero.I lavori sono terminati a dicembre 2017.Entrerà in attività il 7 gennaio 2018.A regime la nuova linea avrà una capacità di traffico di 8 treni passeggeri ogni ora ed interesserà collegamenti:Mendrisio-Varese,Lugano-Malpensa,Como-Varese.Supporterà presso Arcisate la linea ripristinata Milano-Varese- Porto Ceresio.La ferrovia Arcisate-Stabio è nota in Svizzera come Ferrovia Lugano-Malpensa perchè consentirà l’utilizzo dell’Aeroporto internazionale di Milano-Malpensa.

Manfredi Villani

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento