domenica, 23 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

3 gennaio 1980. L’ultimo saluto a Pietro Nenni
Pubblicato il 03-01-2018


FUNERALI DI PIETRO NENNI CON INTERVENTO DI BETTINO CRAXI (Roma's/Giacominofoto, ROMA - 1980-01-01)

FUNERALI DI PIETRO NENNI CON INTERVENTO DI BETTINO CRAXI (Roma’s/Giacominofoto, ROMA – 1980-01-01)

Il primo gennaio del 1980 alle ore 3.20, all’età di ottantanove anni, si spegne il leader socialista e senatore a vita Pietro Nenni. I funerali, preparati per il 3 gennaio, sono un grande evento di massa.

Una straordinaria folla di compagni, cittadini, lo omaggiano in un pomeriggio invernale sferzato da una gelida tramontana. È uno spettacolo commovente, dai balconi qualcuno lancia garofani sulla Mercedes che porta il feretro del Presidente del partito socialista italiano.

Su Corso Rinascimento, nel cuore di Roma, c’è una marea di gente, arrivata da ogni parte d’Italia ed anche dall’estero. Con treni, con pullman, in macchina. Da Bolzano a Palermo, da Torino a Caltanissetta (Corriere della Sera, 4 gennaio 1980).

avanti 4 gennaio 1980Il corteo, lungo quattro chilometri, si muove lentamente e cammina in silenzio dietro al feretro per via Zanardelli e Lungotevere Marzio (Avanti! 4 gennaio 1980). Ci sono centinaia di corone, migliaia di bandiere, di gonfaloni, di gagliardetti. Molti si commuovono: “La gente semplice sbucava dalle strade e si fermava alle transenne. Tanti le scavalcarono e si misero in fila: una fila che diventò interminabile, di cui si sentiva solo, sui lungotevere battuti da un vento gelido, il rumore dei passi, qualche singhiozzo e qualche <Viva Nenni>.

Poi qualcuno fischiò l’Internazionale, altri fecero eco e sommesso e solenne l’inno si levò dal corteo (Giuseppe Tamburrano, Pietro Nenni, Edizioni Laterza, 1986).

In prima fila le figlie Giuliana, Vany e Luciana; poi Craxi, De Martino, Signorile, Pertini, Fanfani, Jotti e Cossiga.

In Piazza Augusto Imperatore il feretro è accolto da un picchetto d’onore formato dai sodati dell’8° reggimento Lancieri di Montebello. Dal palco, parlano Luciano Lama, a nome dei sindacati italiani, Mario Soares per l’Internazionale socialista, Felipe Gonzales per I socialisti spagnoli e il Segretario del Partito Bettino Craxi che lo commemora con un “Ciao Nenni”, che era il saluto di un compagno durante la guerra di Spagna.

Fondazione Nenni

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento