sabato, 20 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alice Merton conquista le radio e le charts italiane con ‘No Roots’
Pubblicato il 09-01-2018


alice mertonNo Roots è la prima e nuova hit dell’anno. Entrata in rotazione nei network più importanti del Paese, ha raggiunto in pochissimi giorni il 17° posto della classifica radio – highest new entry – e il 32° di quella TV, è entrata nella top 30 di iTunes (al 25°), nella top 20 di Shazam ed è al 15° di Spotify Viral. E Alice Merton può così definirsi la prima nuova artista di questo 2018, pronta a presentare all’Italia il 19 gennaio l’EP di debutto “No Roots”.
Dopo un atteso tour americano inaugurato a novembre con il sold out della data di Chicago, Alice Merton ha annunciato il tour europeo che partirà dagli Eurosonic a gennaio e che, in primavera, toccherà anche l’Italia con un’unica, esclusiva data.
La storia di No Roots inizia nel 2017, e ha già raggiunto numeri da capogiro. Con oltre 600mila vendite in Europa, 48 milioni di views su Youtube, la Top 10 di iTunes in oltre dieci nazioni, i primi posti delle Single Charts in Europa (Disco di Platino in Germania e Disco D’Oro in Francia e Austria) e 80 milioni di streams, No Roots si è dimostrato un incredibile anthem pop, una “breakthrough hit” capace di volare oltreoceano per raggiungere un posto d’onore nella Billboard Alternative US, che la paragona ad Adele e Lorde per gli incredibili risultati raggiunti.
La giovanissima Alice, già vincitrice del prestigioso European Borden Breaking Awards 2018 – premio riservato ad artisti del calibro di Adele e Stromae – sta conquistando il mondo con questo suo incredibile debutto.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento