sabato, 21 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Baby gang: vertice a Napoli con Minniti
Pubblicato il 15-01-2018


baby-gang1

Un ennesimo episodio di violenza tra i giovanissimi. Ieri sera a Napoli, verso le 21.30, davanti alla stazione della metropolitana ‘Policlinico’ un sedicenne ha riferito di essere prima insultato e poi colpito al volto con un pugno rompendogli il naso. Il tutto nei giorni in cui Arturo, il 17enne accoltellato una settimana prima di Natale, torna a scuola.

Domani in Prefettura a Napoli, alla presenza del ministro dell’Interno, Marco Minniti, si terrò un vertice sull’escalation di episodi di violenza giovanile che si stanno verificando in questi giorni. Alla presenza (ore 15.00) anche dei vertici nazionali delle Forze dell’ordine, si terra’ una riunione del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza pubblica. Parteciperanno anche il Procuratore Distrettuale della Repubblica di Napoli e i vertici della magistratura minorile.

In questi giorni sono stati ascoltati, molti ragazzi e testimonianze delle vittime ma anche analizzate le immagini delle telecamere. Punta a tutto questo la Polizia di Stato per far luce sui due episodi di violenza da parte delle baby gang messi in atto negli ultimi giorni a Napoli: davanti alla stazione della metro di Chiaiano, venerdì pomeriggio, e ieri sera davanti alla stazione della metro Policlinico. Indagini a tappeto, dei Carabinieri, anche nel Napoletano dove a Pomigliano d’Arco una baby gang ha picchiato, armati anche di catene, due studenti di 14 e 15 anni.

C’è un cauto ottimismo per il ‘caso’ di Chiaiano verificatosi venerdì pomeriggio quando un ragazzino di 15 anni e’ stato pestato da un gruppo di 15 giovanissimi. Diversi ragazzi sono stati ascoltati e non è escluso che presto si possa arrivare all’identificazione di qualcuno. Tutto da chiarire, invece, quanto accaduto ieri sera davanti alla stazione del Policlinico dove un 16enne è stato colpito con un pugno. Il minorenne ha raccontato che la gang era composta da ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni e tra di loro anche un ragazzo molto alto. La Polizia è intervenuta in un secondo momento, solo quando il ragazzino è arrivato in ospedale accompagnato dai genitori e dopo che era ritornato a casa.

E le indagini non si fermano anche per la violenza a colpi di catene di Pomigliano d’Arco, sabato scorso. In due, un 13enne ed un 15 anni sono stati identificati: ora si cerca di completare il cerchio con gli altri presunti componenti del gruppo, forse altri otto ragazzi.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento