lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Derby delle polemiche alla Juventus. E il Torino
caccia Mihajlovic
Pubblicato il 04-01-2018


mihajlovic

Coppa Italia: i bianconeri superano 2-0 i granata (reti di Douglas Costa e Mandzukic) e raggiungono l’Atalanta in semifinale. Toro infuriato però con l’arbitro Doveri. Nella notte il patron Cairo esonera Mihajlovic: al suo posto c’è Mazzarri

TORINO – Juventus-Torino è già di per sé un derby molto sentito. Non bastasse l’alta posta in palio (l’accesso alle semifinali di Coppa Italia) ad aumentare la tensione ci ha pensato chi, teoricamente, dovrebbe smorzarla: il Var. Cronaca: vittoria 2-0 della Juventus all’Allianz Stadium, reti di Douglas Costa al 15’ e di Mandzukic al 67’. Ma proprio la rete dell’attaccante croato ha scatenato le polemiche: a inizio azione c’era un fallo abbastanza netto dello juventino Khedira sul granata Acquah, non visto dall’arbitro Doveri (e può starci), ma inspiegabilmente non sanzionato nemmeno dopo l’intervento del Var. L’episodio ha mandato su tutte le furie Sinisa Mihajlovic, tecnico del Toro, espulso dal direttore di gara. A fine partita l’allenatore serbo non si è presentato polemicamente davanti ai giornalisti, mandando il suo vice Attilio Lombardi che ha tuonato: “A cosa serve la tecnologia se non viene applicata in casi così come questi?” Difficile dargli storto. L’impressione è che il Var abbia risolto diverse problematiche, ma non quella della sudditanza psicologica.

via mihajlovic, ecco mazzarri – Per Mihajlovic oltre al danno è arrivata la beffa: nella notte il presidente Urbano Cairo ha deciso di esonerarlo. Non per la sconfitta in casa della Juventus che, per carità, può starci, e nemmeno per l’espulsione rimediata dopo il 2-0 di Mandzukic. L’allenatore serbo paga un cammino in campionato balbettante, condizionato da troppi pareggi (10 su 19). C’è l’alibi dell’infortunio di Belotti, che era stato out un mese e che ora è nuovamente ai box per un problema al ginocchio, e inoltre l’obiettivo dichiarato dell’Europa League non è poi così distante (-5 dalla Sampdoria sesta e -2 da Fiorentina, Atalanta e Udinese, appaiate al settimo posto). Insomma una decisione forse un po’ crudele, ma Cairo ha deciso per l’azzardo puntando su Walter Mazzarri, con cui si stanno definendo i dettagli dell’accordo. Per la cronaca, le semifinali di Coppa Italia saranno Milan-Lazio e Atalanta-Juventus (andata 31 gennaio, ritorno 28 febbraio).

Francesco Carci

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Vista la scomparsa dal panorama calcistico del mio Modena ho ripreso a tifare per il mio storico Toro. Sì ieri sera il secondo gol della Juve era da annullare ma pazienza, la famosa sudditanza psicologica degli arbitri italiani nei confronti dei bianconeri…

Lascia un commento