giovedì, 26 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il gruppo Ferrero continua
lo shopping negli Usa
Pubblicato il 17-01-2018


ferreroContinua lo shopping negli Usa per il gruppo Ferrero. Oggi ha annunciato l’accordo definitivo per acquisire da Nestlé il suo business dolciario statunitense. Costo dell’operazione  2,8 miliardi di dollari in contanti. Nel 2016 l’attività dolciaria di Nestlè, negli Stati Uniti, ha generato un fatturato di circa 900 milioni di dollari.

L’accordo permetterà a Ferrero di acquisire più di 20 storici brand americani estremamente conosciuti, tra cui marchi di cioccolato come Butterfinger, BabyRuth, 100Grand, Raisinets, Wonka e il diritto esclusivo sul marchio Crunch negli Stati Uniti per il confectionery e per determinate altre categorie, così come i brand di caramelle SweeTarts, LaffyTaffy e Nerds.

In una nota del gruppo Ferrero si spiega: “Con questa operazione, Ferrero diventerà  la terza più grande azienda dolciaria nel mercato statunitense dove è meglio conosciuta per i Tic Tac, le praline Ferrero Rocher, Nutella, nonché i marchi di cioccolato Fannie May e Harry London e per Ferrara Candy Company, acquisita recentemente da una società affiliata, con un portafoglio di marchi che comprende le caramelle Trolli, Brach’s e Black Forest”.

In dettaglio Ferrero acquisirà gli stabilimenti produttivi statunitensi di Nestlé a Bloomington, Franklin Park e Itasca, in Illinois, con i dipendenti collegati alla divisione confectionery, continuando a operare attraverso gli uffici di Glendale, in California, e le altre sedi proprie in Illinois ed in New Jersey.

Giovanni Ferrero, Presidente Esecutivo del Gruppo Ferrero, ha commentato l’operazione dichiarando: “Siamo entusiasti di aver acquisito  il business dolciario di Nestlé  negli Stati Uniti d’America, che porta con sé un portafoglio eccezionale di marchi iconici ricchi di storia e di grande riconoscibilità. Ciò, combinato con l’attuale offerta Ferrero sul mercato americano, incluse le aziende recentemente acquisite Fannie May e Ferrara Candy Company, garantirà una gamma sostanzialmente più ampia, un’offerta più vasta di prodotti di alta qualità per i consumatori di snack al cioccolato, caramelle, dolciumi e prodotti stagionali da ricorrenza, oltre a nuove entusiasmanti opportunità di crescita nel più grande mercato dolciario del mondo. Non vediamo l’ora di accogliere il talentuoso team di Nestlé in Ferrero e di continuare a investire e far crescere tutti i nostri prodotti e marchi in questo mercato strategico e attraente”.

Il CEO del Gruppo Ferrero, Lapo Civiletti, ha dichiarato: “Il nostro impegno nel trasferire valore ai consumatori e ai clienti nordamericani sarà ulteriormente rafforzato dall’arrivo nel nostro portafoglio di brand così potenti del confectionery e del mercato del cioccolato”.

La transazione è soggetta alle consuete condizioni di chiusura e approvazioni regolamentari, che dovrebbero compiersi intorno alla fine del primo trimestre 2018.

Ferrero è presente negli Stati Uniti dal 1969 con le caramelle Tic Tac, che sono diventate un’icona nel mercato delle mentine, e successivamente ha introdotto le praline Ferrero Rocher e Nutella nel mercato statunitense.

Recentemente Ferrero ha acquisito la società di cioccolato statunitense Fannie May Confections Brands, che attraverso i suoi marchi Fannie May e Harry London offre opportunità in categorie chiave tra cui barrette di cioccolato, praline e altri snack, nonché Ferrara Candy Company, leader nelle caramelle gommose e prodotti stagionali da ricorrenza, con marchi come Trolli, Brach’s e Black Forest.

Il prossimo anno, l’industria dolciaria piemontese festeggerà il cinquantesimo anniversario della sua presenza nel mercato statunitense.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento