giovedì, 19 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

George Weah ha giurato come presidente della Liberia
Pubblicato il 22-01-2018


George Weah, ex calciatore del Milan e Pallone d’Oro, alla cerimonia per il suo giuramento come presidente della Liberia (ISSOUF SANOGO/AFP/Getty Images)

George Weah
(ISSOUF SANOGO/AFP/Getty Images)

Viene celebrata come la prima transizione di potere degli ultimi 47 anni ad avvenire in modo pacifico, si tratta della presidenza in Liberia di George Weah, ex calciatore del Milan e Pallone d’Oro. Weah, del partito del Congresso per il cambiamento democratico, ha giurato oggi come nuovo presidente, dopo che era stato eletto lo scorso 28 dicembre battendo al ballottaggio l’ex presidente Ellen Johnson Sirleaf con il 60 per cento dei voti. Alla cerimonia come riporta l’edizione online della rivista “Jeune Afrique”, erano presenti i capi di stato di Costa d’Avorio (Alassane Ouattara), Burkina Faso (Roch Marc Christian Kaboré), Nigeria (Muhammadu Buhari), Guinea (Alpha Conde), Ghana (Nana Akufo-Addo), Sierra Leone (Sierra Leone), Repubblica del Congo (Denis Sassou Nguesso), Senegal (Macky Sall) e Gabon (Ali Bongo Ondimba). Prevista anche la presenza di una delegazione speciale della Fifa ed inviati speciali da Usa, Francia e Regno Unito.
Tuttavia anche se l’ex calciatore ha promesso interventi radicali contro la povertà, non ha presentato un dettagliato programma economico su come intende farlo. La sua popolarità è ai massimi livelli nel Paese, ieri l’ex fuoriclasse è tornato al calcio per un giorno, scendendo in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l’occasione – la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori – sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento