martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat. Più potere d’acquisto, scende la pressione fiscale
Pubblicato il 05-01-2018


Istat-carrello spesaCresce il potere d’acquisto, scende la pressione fiscale. Gli ultimi dati messi nero su bianco dall’Istat parlano chiaro e sono positivi: il reddito delle famiglie nel terzo trimestre segna un +0,7%, la propensione al risparmio sale all’8,2% e le tasse finalmente calano al 40,3%, ai minimi dal 2011. Su Twitter parte a razzo Matteo Renzi, segretario Pd: “La pressione fiscale era al 42.4% nel III trimestre 2012 e oggi è al 40.3% nel III trimestre 2017. In cinque anni le tasse sono scese di due punti. Per i prossimi cinque anni dobbiamo farne altri due. Non facciamo miracoli, ma risultati passo dopo passo. Gli altri?”. A fargli eco sui social anche il premier Paolo Gentiloni che parla di “dati incoraggianti sui conti pubblici, cresce finalmente il potere d’acquisto delle famiglie italiane. Risultati da migliorare, non da sprecare”. Se il capogruppo Pd Ettore Rosato promette di “lavorare ancora per abbassare e tasse”, Beatrice Lorenzin, leader della neonata lista Civica popolare e ministra della Salute, rilancia: “I risultati della stabilità si vedono. Ora andiamo avanti con le riforme, preoccupandoci di non mandare in fumo anni di sacrifici. L’impegno è quello di continuare a lavorare per calare sempre di più questi dati nella vita reale di tutte le famiglie di ogni luogo d’Italia”. Da Alternativa popolare rivendica il lavoro svolto in questi mesi anche il vicecoordinatore Dore Misuraca: “I dati Istat confermano il lavoro positivo di Ap al Governo. Fondamentale la crescita del potere d’acquisto delle famiglie. Siamo sulla strada giusta”.

Dal centrodestra Forza Italia Deborah Bergamini punge i dem: “Le tasse sono più alte di quando c’era Berlusconi, ma il Pd ostenta di averle tagliate e promette di tagliarle di 2 punti. Dopo la tassa sul sudore e quella sui sacchetti bio, gli unici 2 punti che riusciranno a tagliare sono quelli nelle intenzioni di voto degli italiani”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento