martedì, 16 gennaio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Liste e raccolta firme. Pressing su + Europa
Pubblicato il 03-01-2018


bonino-emmaLa rottura è stata traumatica, ma il Partito Democratico non dispera di riannodare il filo del rapporto con Emma Bonino e +Europa. Dal Nazareno la strategia per uscire dall’impasse della raccolta firme e della presentazione dei candidati è stata avanzata dai vertici del partito. I dem aiuterebbero a raccogliere le firme, garantendo a +Europa di consegnare le liste dei candidati nel plurinominale in tempo utile. Il problema, tuttavia, riguarda soprattutto la presentazione delle liste per l’uninominale, fissata per il 31 gennaio. I radicali, dovendo consegnare le liste del plurinominale il 21 gennaio (giorno in cui si formalizzano anche i simboli e gli apparentamenti), si troverebbero a dover fare affidamento solo sulla buona fede dei dem. I quali assicurerebbero dei posti nelle liste uninominali agli alleati. Da prassi, i partiti attendono fino all’ultimo momento utile per presentare le liste nei collegi uninominali.

Si tratta, infatti, di pesare la forza elettorale di ciascun candidato mettendo, contemporaneamente, d’accordo i diversi umori presenti dentro le forze politiche. E’ per questa ragione che la strada indicata dal vice segretario Pd, Maurizio Martina, non convince Bonino e i suoi che si sentirebbero “legati mani e piedi al Partito Democratico e alle varie sensibilità delle correnti”.

Dunque, la prima opzione rimane quella della corsa solitaria di Emma Bonino, con buona pace di chi vede sfumare la possibilità di contare sui radicali – ben strutturati in regioni chiave come il Piemonte e il Lazio. Non è un caso che anche un ministro apparentemente lontano dalle dispute elettorali come Carlo Calenda oggi scende in campo per richiamare l’attenzione del segretario Matteo Renzi sulla vicenda: “Emma Bonino è pilastro fondamentale dell’alleanza riformista liberal democratica che serve all’Italia, il Pd ne ha bisogno”, spiega Calenda su twitter invitando Matteo Renzi a “sedersi intorno ad un tavolo”, perché “trovare una soluzione è doveroso”. In attesa che da Renzi arrivi una risposta, è Piero Fassino a ribadire l’impegno dei dem: “Abbiamo detto più volte alla Bonino che ci impegniamo a fare due cose: scegliere tempestivamente i candidati ai collegi in modo che si possa avviare presto la raccolta delle firme. E ci impegniamo come Pd e con le altre forze della coalizione a concorrere alla raccolta delle firme: 400 per circoscrizione si riescono a raccogliere in pochi giorni. E la Bonino ha una garanzia assoluta: essendo il Pd interessato che + Europa sia in coalizione, è ovvio che ci impegneremo al massimo nello sforzo di raccogliere le firme necessarie”. Se i tentativi andranno in porto lo si capirà già giovedì: nel pomeriggio, infatti, +Europa terrà una conferenza stampa in cui si farà il punto della situazione e si dovrebbero sciogliere gli ultimi nodi della vicenda.

Redazione Avanti!

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento