giovedì, 19 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mauro Broi
Candidati con LeU con il logo Psi
Pubblicato il 15-01-2018


Carissime e carissimi,
siamo venuti a conoscenza che per la campagna elettorale in corso, alcuni
compagni/e si sono candidati/e nelle liste di Liberi e Uguali.
Premesso che ognuno è libero di fare le scelte che ritiene giuste, e che le
stesse vanno rispettate, altrettanto vero è che coloro che hanno preso questa
decisione avrebbero, per correttezza, dovuto darne comunicazione al Partito
di appartenenza.
Detto questo è bene chiarire, nell’interesse di tutti, che chiunque si candidi in
un partito o qualsivoglia aggregazione politica, diverso dal PSI, decade
automaticamente ed immediatamente da ogni carica all’interno degli
organismi e contestualmente dallo stesso Partito Socialista Italiano.
Diffidiamo tutti coloro, che hanno fatto questa scelta a parlare per nome e per
conto del PSI e/o utilizzare per qualsiasi motivo, in ogni sede e luogo, il nome
e il logo del PSI.

Il Segretario Psi Lombardia
Mauro Broi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. L’aspetto sollevato dall’Autore di queste righe non è sicuramente privo di rilievo e significato, ma a mio avviso ve n’è un altro che meriterebbe parecchia attenzione, per non dire che sia prioritario o abbia come si dice “diritto di precedenza”, ed è l’azione politica che intendono sviluppare i candidati PSI, intesa come proposte e programma, in modo che l’elettore possa ben identificarli, e differenziarli dai socialisti che avessero già scelto di “correre” sotto altra bandiera, o decidessero eventualmente di farlo nei giorni a venire, cioè prossimi.

    Rimanendo sempre su detto piano, ossia quello dei programmi, e visto che si sente parlare non di rado di socialismo liberale, anche ed opportunamente su queste pagine, ritengo che tale idea – che personalmente condivido come mi è capitato di scrivere in altre occasioni – andrebbe dotata di corpo e vestito, traducendola giustappunto in proposte di segno liberalsocialista, diversamente resta un concetto astratto che non si distingue dalle posizioni cosiddette massimaliste (e i liberalsocialisti cercheranno verosimilmente altrove chi possa rappresentarli).

    Paolo B. 17.01.2018

Lascia un commento