lunedì, 16 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nucleare: la lista dei siti idonei prima delle elezioni
Pubblicato il 26-01-2018


Il Ministro Carlo Calenda conferma: “aspettiamo solo il parere del Ministero dei Beni Culturali e poi pubblichiamo la lista. Il Governo non viene meno ai suoi doveri per ragioni elettorali”

Nucleare-in-ItaliaROMA – Il Ministro delle Sviluppo Economico Carlo Calenda è sicuro: la lista dei siti idonei ad ospitare il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi sarà pubblicata prima delle elezioni politiche del 4 marzo. Lo ha confermato lo stesso Ministro rispondendo ad una domanda sul suo profilo Twitter: “Parere formale MIBACT, ultimo passaggio, arriva in settimana e poi pubblichiamo. Come promesso prima delle elezioni perché il Governo non viene meno ai suoi doveri per ragioni di campagna elettorale”.

BASILICATA: COMITATI IN ALLARME Intanto in Basilicata i comitati mettono le mani avanti e bollano come “provocatoria” la promessa del Ministro Calenda di voler pubblicare la lista dei siti prima delle elezioni. “Prima – dicono i comitati – il Governo dovrebbe rispondere a tutte le osservazioni presentate da Enti Locali, istituzioni, associazioni e cittadini di tutta Italia, al Programma Nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi, nell’ambito della procedura di VAS (Valutazione Ambientale Strategica).

Nel 2003 infatti il Governo Berlusconi scelse unilateralmente un sito geologico a Scanzano Jonico, in provincia di Matera, come deposito per lo stoccaggio di tutte le scorie nucleari italiane. Le proteste popolari spinsero il Governo a rinunciare al progetto e, da allora, il problema della scelta del luogo che deve ospitare le scorie è rimasto sostanzialmente un tabù. La Carta delle aree potenzialmente idonee (CNAPI) è pronta dal 2015 ma non è stata mai resa pubblica.

“All’annuncio del Ministro Calenda di voler pubblicare prima delle elezioni la carta delle aree potenzialmente idonee per la realizzazione del deposito di scorie nucleari (CNAPI), secondo cui attende solo il parere formale del Ministero dei Beni Culturali guidato da Franceschini (MIBACT), rispondiamo che i Lucani sono pronti per riorganizzare una nuova pacifica e civile protesta contro l’ipotesi di realizzare il deposito nazionale in Basilicata – dichiara Pasquale Stigliani portavoce dell’Associazione Antinucleare ScanZiamo le Scorie.

Abbiamo più volte denunciato che la carta coinvolgerà parte del territorio della Basilicata della collina Ionica e della murgia, nei pressi di Matera, Capitale della Cultura europea.

Ricordiamo al Ministro Calenda che, prima della pubblicazione della CNAPI, deve rispondere alle centinaia di osservazioni che ha ricevuto da oltre 50 Comuni Lucani e numerose Associazioni nella fase di consultazione del Programma nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi nella procedure di Valutazione Ambientale Strategica nel settembre 2017, che riguarda anche l’argomento deposito nazionale.

Se così non fosse – conclude Stigliani – si interrompe a priori il dialogo tra Governo, le popolazioni e le Istituzioni Locali, che si rifiutano di ricevere una struttura che non genera ricchezza ma impoverisce il territorio”.

DEPOSITO NAZIONALE: LA MISSIONE DI SOGIN – La SOGIN (Società Gestione Impianti Nucleari) è la società pubblica incaricata di smantellare i vecchi impianti nucleari italiani e di costruire e gestire il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi.  In questi ultimi anni l’azienda ha puntato molto su trasparenza e comunicazione ma proprio la mancata pubblicazione della lista dei siti idonei ha frenato le attività della società di Stato e il processo di localizzazione del sito in cui realizzare il deposito.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento