martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Parole di sinistra per cose di destra
Il sasso nello stagno
Claudio Martelli
Pubblicato il 29-01-2018


L’8 novembre 1917 Lenin e i suoi compagni bolscevichi presero il potere in Russia buttando nella spazzatura della storia i liberali e i socialdemocratici che otto mesi prima avevano rovesciatoil regime zarista. Da quel momento e per settant’anni la Russia fu dominata da un’implacabile dittatura. Quasi un secolo dopo, l’8 novembre del 2016, Donald Trump è stato eletto presidente degli USA.

Leggi l’articolo

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Conclusione dell’articolo perfetta: il populismo si afferma con la crisi della speranza. La speranza rivoluzionaria affoga nel fallimento comunista, la speranza riformatrice si spegne nel fallimento liberale a padroneggiare il disordine economico ed ecologico, la demografia e l’immigrazione. PERFETTO! Ed allora?
    Non prendiamocela con gli effetti, il populismo, bensì con le cause, così brillantemente focalizzate.
    Ritengo che la lista “Insieme” possa contenere il germe di un ipotetico tentativo di soluzione: riequilibrio economico ed ecologico, quindi sviluppo equo, sostenibile e diffuso, quindi contenimento migratorio. Proviamoci!

Lascia un commento