giovedì, 22 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pd-M5s, è scontro sul programma
Pubblicato il 22-01-2018


M5S: Di Maio, non rispondo a Berlusconi, farnetica

Si alza lo scontro tra Pd e M5s, mentre Silvio Berlusconi vola a Bruxelles per garantire la Ue sul programma di centrodestra. Paolo Gentiloni assicura che il Pd “ha la credibilità per continuare a guidare questo paese”, “può vincere” e si dice certo che “la possibilità che il Movimento 5 stelle arrivi a guidare il governo non ci sia”. Un attacco, dopo quello di ieri, a cui risponde il leader M5s Luigi Di Maio, per il quale “è chiaro che Gentiloni è sceso nella mischia”. Diverso l’atteggiamento di Pierluigi Bersani, di Leu, per il quale “parlare con M5s è un dovere, fare una alleanza di governo è tutto un altro film. È chiaro che se Di Maio viene a dirmi ‘vado fuori dall’euro, sull’antifascismo balbetto, sugli immigrati sto un po’ con la destra, sul fisco viva la mamma’ io gli dico ciao”.

Matteo Renzi attacca invece il centrodestra e la proposta di flat tax, che a suo avviso “è la tassa dello sceriffo di Nottingham non di Robin Hood: toglie ai poveri per dare ai ricchi”. E il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi comincia oggi una missione di due giorni a Bruxelles per illustrare ai vertici Ue alleati e programma di governo e farsi garante della coalizione. Il Cavaliere incontrerà il presidente della commissione Ue Jean Claude Junker e il presidente del Parlamento Antonio Tajani. Ma ci sarà anche un faccia a faccia con Michel Barnier, responsabile dei negoziati sulla Brexit, e un incontro con il segretario del Ppe Antonio Lopez Isturiz. Intanto continua la scelta dei candidati da schierare nei collegi da parte dei partiti e Renzi lancia la candidatura del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan a Siena, città sede del Monte dei Paschi, dove il tema banche è sentito e divide l’elettorato. (AGI)

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento