sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Regionali. Parisi ci riprova nel Lazio
Pubblicato il 25-01-2018


parisi“Oggi ho ricevuto l’invito dai leader del Centrodestra a candidarmi come Governatore della Regione Lazio. Come molti di voi sanno, su questa ipotesi già circolata nei giorni scorsi abbiamo avuto una lunga discussione all’interno della nostra segreteria e tra i referenti Regionali”, così Stefano Parisi, leader del movimento Energie per l’Italia, annuncia la sua candidatura a Governatore del Lazio, e spiega: “Abbiamo tuttavia deciso di accettare perché siamo un partito nuovo, costruito in solo un anno di lavoro e dobbiamo innanzitutto consolidare la nostra presenza in tutta Italia, nelle comunità, nei territori”.
L’accordo alla fine è arrivato: Stefano Parisi è il candidato del centrodestra alle elezioni regionali del Lazio e sfiderà Nicola Zingaretti, attuale governatore super favorito nei sondaggi e molto apprezzato da tutti gli schieramenti a sinistra.
Stefano Parisi ha sfidato Beppe Sala alle comunali di Milano, portando a un risultato insperato, un bel 40% contro il candidato dem. Stavolta la sfida è per la Regione attualmente roccaforte del Pd e terra dei leader di destra come Giorgia Meloni, che difende la scelta del nuovo candidato: “Parisi è romano e conosce Roma, per me è più naturale si candidi a fare il governatore del Lazio che il sindaco di Milano”, ha spiegato la leader di Fratelli d’Italia. E sulla lunga faida interna al centrodestra nella scelta del candidato ha aggiunto: “Mi ha spaventato il perdere tempo della coalizione. Fratelli d’Italia gioca per vincere, spero che anche gli alleati lo facciano. Noi lo abbiamo dimostrato”
Per l’Ex Cavaliere i motivi per cui si è scelto Parisi, con l’accordo di tutti, sono svariati: “Allarga il consenso, va a pescare anche a sinistra e nei moderati delusi dal Pd”, sostiene Berlusconi. In più non appartiene a nessuno dei partiti del centrodestra e questo li rende più liberi di appoggiarlo senza gelosie e consente loro di non addossarsi una eventuale sconfitta.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento