lunedì, 10 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LO STRANO MATRIMONIO
Pubblicato il 05-01-2018


bonino tabacci nuova“Sono stupito. Mi chiedo perché due giorni fa sia stato detto di no a una proposta del tutto simile della lista ‘Insieme’; una proposta che avrebbe permesso ai radicali di non raccogliere le firme e di lavorare a un progetto comune, simbolo compreso, e 24 ore dopo invece è stato detto di sì alla proposta di Tabacci la cui storia è onoratissima, ma non c’entra nulla con le battaglie laiche di radicali e socialisti”. È quanto afferma il segretario del Psi Riccardo Nencini commentando l’accordo tra i Radicali di Emma Binino e Centro Democratico, il movimento guidato da Bruno Tabacci.

Verrà fuori il problema di fare un programma in cui ci saranno le idee dei radicali e quelle di Tabacci che viene da una storia opposta da quella radicale
Il problema è preventivo. Perché se ti presenti assieme nella campagna elettorale devi usare argomenti condivisi. Sono felice se Tabacci si occuperà di quelle campagne sui diritti civili e quindi di formidabile laicità che hanno visto insieme radicali e socialisti negli anni settanta.

I rischio è che succeda il contrario. Ossia una diminutio della difesa dei diritti civili…
Non me lo auguro. Non dobbiamo inorgoglirci se si è da soli a sostenere grandi battaglie di civiltà. Ma bisogna porre le condizioni affinché queste battaglie vengano condivise. Ma c’è una cosa ulteriore che spero venga chiarita quanto prima.

Quale?
Che contributo darà questa nuova lista alla coalizione di centrosinistra? La prima domanda da farsi è se questa formazione sarà all’interno o meno della coalizione di centrosinistra. Emma Bonino, meno di un anno fa, è venuta al nostro Congresso a Roma, a sostenere la bontà del disegno strategico della Rosa del Pungo, cioè di una alleanza laica tra socialisti e radicali.

Ci sono visioni che difficilmente potranno convivere. Che può succedere?
Delle due l’una. O Tabacci sposa una posizione che per mezzo secolo non è mai stata la sua, oppure è la Bonino che dovrà farlo. Terziur non datur.

Si scoprirà dopo il 13 gennaio che cosa vorranno fare…
Al momento non ci sono elementi per capire. Però io la domanda la faccio. Una domanda legata al rifiuto della nostra disponibilità. E spero che la risposta che mi do sia sbagliata, ossia che loro si muovano al di fuori del campo del centrosinistra.

Una scelta che mette a rischio le tante battaglie civili dei radicali.
Mi auguro che questo non avvenga. Perché sarebbe il venir meno di una bella storia. E sarebbe un vulnus alle battaglie di civiltà necessaria all’Italia. L’auspicio è che non vi sia una correzione di rotta dei radicali su questi temi. Rimane la domanda sul perché di questo strano matrimonio.

Daniele Unfer

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Segretario non ho nulla da rimproverarti per il tentativo profuso a convincere la Bonino a entrare nella lista “INSIEME”, ma visto quello che è successo fra la Bonino e Tabacci, ci deve far riflettere: sarebbe ora di smetterla di rincorrere i Radicali.
    Dobbiamo rivendicare con forza la conquista dei Diritti Civili e affermare l’impegno, per portare a termine il compimento delle Riforme dei Diritti Civili e Istituzionali.

    Buon Lavoro Segretario.

Lascia un commento