lunedì, 15 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Risolvere l’affaire “province”
Pubblicato il 08-01-2018


Una delle questioni passate in sordina ma che sarà fondamentale risolvere nel corso della prossima legislatura è quella relativa alla situazione delle province, su cui quasi tutti i partiti stanno glissando ignominiosamente pur conoscendo bene che oggi questi enti, dati per defunti ma quasi resuscitati dagli esiti del referendum costituzionale, gestiscono ancora funzioni fondamentali come scuole (competenza esclusiva su tutta l’istruzione di secondo grado, compresa l’edilizia scolastica) e strade (migliaia di Km di strade provinciali con relativi problemi di sicurezza).

Pensare che tutto possa restare così com’è non è utopia, ma, semplicemente, poco serio. Diversi rapporti pubblicati con cadenza annuale stanno evidenziando l’impoverimento del patrimonio edilizio delle scuole italiane: carenze strutturali, assenza di certificazioni antincendio, presenza di amianto, costruzioni in luoghi a rischio idrogeologico sono solo alcune delle problematiche che affliggono le scuole superiori italiane. Bene, quelle scuole dipendono, ancora oggi, dalle province.

Che non hanno risorse per pianificare le manutenzioni, per costruirne di nuove, per dotarle di laboratori, palestre, accessori all’altezza. Un rimedio va assolutamente trovato. C’è poi il problema della “governance”. Le provincie, così come sono oggi, sono enti di secondo grado gestite, a titolo gratuito, da consessi di amministratori locali, che si accollano oneri e responsabilità di strutture indebolite e, in taluni casi, allo sbando, senza dirigenti, senza funzionari, con personale poco qualificato. Come possiamo pensare che un tale modello funzioni? I futuri parlamento e governo dovranno rapidamente prendere in mano la situazione, ma aspettarsi qualche idea in campagna elettorale sarebbe lecito. Problemi concreti meritano risposte concrete. Sempre che non consideriamo casta qualche milione di studenti e carta straccia i loro sacrosanti diritti.

Leonardo Raito

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento