giovedì, 19 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Signori, qui si vendono elisir…
Pubblicato il 17-01-2018


Le trovate paraculate. Primo premio a Salvini per Abolizione della legge Fornero (140 miliardi in cinque anni). Secondo premio a Berlusconi per Pensioni minime senza tasse per tutti a mille euro (costo 7 miliardi all’anno). Terzo premio a Di Maio che propone il Reddito di cittadinanza (il costo dipende dall’applicazione. Il calcolo minimo parla di 17 miliardi l’anno). Quarto premio a Renzi per Abolizione del canone televisivo. Non so il costo, ma uno si chiede: “Perché non l’hanno fatto anziché inserirlo in bolletta?”. Quinto premio a Grasso per Abolizione tasse universitarie. Ora che il nipote di Ferrero, l’uomo nutellato più ricco d’Itala, sia a carico mio lo trovo davvero poco di sinistra. Spero che gli elettori capiscano di essere presi in giro… Ieri sera Monti, che sosteneva che l’Europa ci sta ridendo dietro, sembrava Churchill, di fronte alla sfilata dei nani. La falange di Dulcamara tra i quali eccelle Berlusconi, che offre elisir di lunga vita, é veramente sconsolante. Ma ancor più deludente é la reazione di un elettorato che, sondaggi alla mano, ci crede ancora. Sarebbe come se, nell’opera di Donizetti, il buon venditore di Bordeaux scambiato per magico elisir si fosse presentato con gli stessi prodotti per tre volte di seguito. Quante volte devono sperimentarlo gli italiani per capire che possono essere stati ingannati? D’altronde oggi il teatrino della politica pare assai peggio di quello di Arlecchino…

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore, e che dire del prof. Brunetta che ai microfoni di radiouno, dopo avere spiegato che per far “ripartire l’Italia” bisogna abbassare le tasse ( che sagace…) alla domanda di chi da casa gli chiedeva, giustamente, con quali coperture, rispondeva: le coperture verranno automaticamente visto che l’economia trarrà immediato beneficio dall’aliquota unica e in più recupereremo soldi combattendo l’evasione fiscale ( ma che sagace…)?
    Per fortuna che ci stava un economista in studio a spiegare che se anche dovessero esservi dei benefici non si vedrebbero che dopo anni, mentre le coperture servono subito…
    Ma poi, possibile che la Rai faccia parlare così tanto questi imbonitori del centrodestra senza che un solo giornalista rivolga loro la domanda più ovvia, ovvero: ma queste cose perché non le avete fatte quando eravate al governo voialtri?

Lascia un commento