sabato, 17 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Centrodestra. Ancora ignoto il candidato Premier
Pubblicato il 19-02-2018


salvini berlusconiDi sicuro c’è solo che il nuovo leader della coalizione di Centrodestra sarà un ‘maschio’, così come anticipato giorni fa dall’ex cavaliere. Nel frattempo però continuano le liti e si intravedono le prime spaccature nel sodalizio di destra. Da una parte Matteo Salvini, intenzionato a portare avanti il Carroccio e la sua leadership che ha fatto già fuori i più moderati ‘maroniani’, dall’altra Silvio Berlusconi che seppur non intenzionato a tenre lo scetto di leader per se non sembra volerlo cedere al giovane leghista. “Tajani candidato premier? Non ho ancora l’autorizzazione dai componenti della coalizione e dello stesso Tajani, considerato il miglior presidente del parlamento europeo di sempre”, afferma il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ospite di “Che tempo che fa”.
“Berlusconi? Ci vogliono non due ma quattro occhi aperti”, ha invece affermato Matteo Salvini oggi a Udine in un breve comizio tenuto in piazza San Giacomo, tappa elettorale in Friuli Venezia Giulia rispondendo a chi gli ha chiesto dell’alleanza con Berlusconi. “Soli non si va da nessuna parte ma patti chiari. Conto di tornare a Udine la prossima volta da Presidente del Consiglio – ha aggiunto – Gli accordi sono che se Forza Italia prende un voto in più decide il premier. Se prendiamo un voto in più noi?”.
Nel frattempo torna il nervosismo anche negli alleati di Fratelli D’Italia. “Non so perché Salvini e Berlusconi abbiano scelto di non partecipare alla nostra manifestazione, mi lascia perplessa questa assenza”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, con i cronisti, appena arrivata all’Adriano, dove si tiene la ‘Manifestazione anti-inciucio’ promossa da Fratelli d’Italia. “Giudicheranno gli italiani”. “Il nostro – ha spiegato la Meloni – è un patto di onorabilità rispetto ai nostri elettori – spiega ai cronisti, prima dell’inizio della manifestazione, Isabella Rauti, candidata per FdI – non ci sentiamo soli. Noi contiamo di raggiungere il 40% come coalizione e di governare, ma qualora sfuggissimo l’obiettivo, non siamo disponibili a governi di inciucio”. Molti gli esponenti di FdI presenti all’evento, tra i quali il coordinatore nazionale Guido Crosetto, e il capogruppo alla Camera Fabio Rampelli.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento