mercoledì, 18 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Davide contro Golia: studenti sfidano Trump e la Nra
Pubblicato il 27-02-2018


samuel-zeif-full“Non si tratta di armi per legittima difesa. Sono armi di guerra. E io non posso immaginare com’è possibile comprarle”. Queste sono alcune delle parole emotive di Sam Zeif, studente di quarto anno del liceo Douglas di Parkland, Florida, dove 17 persone sono state massacrate da un individuo usando un AR-15, un fucile semiautomatico. Zeif parlava alla Casa Bianca dove era stato invitato dal presidente Donald Trump in una riunione che includeva un gruppo di ragazzi sopravvissuti, genitori e maestri con legami alle vittime delle stragi di Columbine (1999) e Sandy Hook Elementary School (2012). Una delle vittime del liceo in Florida era il miglior amico di Zeif.

L’incontro alla Casa Bianca doveva dare un segnale che Trump prendeva seriamente la tragedia di Parkland. Il presidente aveva inizialmente suggerito alcune misure per ridurre i pericoli delle armi da fuoco specialmente quando vanno a finire nelle mani di individui con malattie mentali. Il 45esimo presidente aveva anche detto che favoriva controlli di sicurezza sui precedenti personali prima di potere comprare armi da fuoco. Inoltre aveva dichiarato la sua opposizione al “bump-stock”, un meccanismo che converte un fucile semiautomatico a automatico permettendo di sparare da 400 a 800 colpi al minuto. Questo tipo di meccanismo era stato usato nella strage di Las Vegas in ottobre del 2017 dove 58 persone hanno perso la vita. L’individuo arrestato per l’attentato in Florida non ha usato questo meccanismo ma si crede che avesse seri problemi mentali.

Dopo pochi giorni però Trump è ritornato alla sua base auspicando misure che rientrano nella filosofia della National Rifle Association che ha contribuito 30 milioni di dollari alla sua campagna presidenziale. L’attuale inquilino della Casa Bianca ha dichiarato che i maestri dovrebbero essere addestrati e portare armi da fuoco a scuola per potere proteggere i loro studenti in caso di situazioni di pericolo. Trump ha spiegato che se l’allenatore di football morto al liceo Douglas di Parkland mentre difendeva i suoi studenti fosse stato armato avrebbe potuto evitare la tragedia. Esattamente come ha detto spesso la Nra (National Rifle Association, organizzazione che agisce in favore dei detentori di armi da fuoco degli Stati Uniti d’America) che per fermare un uomo cattivo armato ce ne vuole uno buono anche lui armato. Le scuole sono per Trump e la Nra zone facili bersaglio per la mancanza di personale armato che fermi questi individui scapestrati che vogliono sparare e uccidere.

Si tratta di prese di posizione smentite dai fatti. Nella scuola di Parkland c’era una guardia armata che però è rimasta appartata per 4 dei 6 minuti della sparatoria. Non si conoscono tutti i dettagli ma potrebbe darsi che la guardia abbia avuto paura di dovere affrontare un individuo armato con fucile mitragliatore. Credere che addestrare maestri armandoli per sparare contro potenziali assalitori armati fino ai denti è illusorio. In situazioni di stress solo il 18 percento delle pallottole sparate dai poliziotti riescono a centrare il bersaglio. Farebbe meglio un maestro?

Dopo ogni strage del genere i politici non vogliono offrire soluzioni concentrandosi invece sulle preghiere e i sentimenti di cordoglio per le famiglie. Una buona maniera per guadagnare tempo e poi riprendere la vita normale come se nulla fosse accaduto. Questa volta però gli studenti si sono organizzati combattendo questa strategia di deflettere. Si sono mobilitati con manifestazioni riprese dai media locali e nazionali. Più di 200 sopravvissuti a Parkland si sono recati alla sede della legislatura di Tallahassee, capitale della Florida, forzando un voto sulle armi da fuoco. La legislatura, dominata dai repubblicani, ha sfortunatamente votato contro (71-36) approvando però una risoluzione sui pericoli della pornografia. Gli studenti però non si arrendono. A livello nazionale studenti in diverse parti degli Stati Uniti si sono mobilizzati richiedendo incontri con politici per bandire fucili semi-automatici. Si aspettano scioperi degli studenti in tutto il Paese il 14 marzo con una marcia programmata a Washington D.C. 10 giorni dopo.

Tutte queste attività e la concentrazione dei media sulla questione hanno ovviamente attirato la reazione della Nra e dei loro sostenitori ritornando alle solite strategie come difensori del secondo emendamento che sancisce il diritto del possesso armi. Il problema logico però è la definizione di armi. Quando il secondo emendamento fu scritto armi voleva dire un moschetto che sparava una pallottola. Adesso le armi sono molto più pericolose e il governo ha tutti i diritti di limitare l’uso ed i luoghi in cui sono legali. Non si viola dunque il secondo emendamento quando si proibiscono le armi dagli aeroporti, dal Congresso, dai tribunali ed altri luoghi. Né esiste la completa libertà di ottenere carri armati o mitragliatrici che sono strettamente di uso militare. Persino Antonin Scalia, giudice conservatore della Corte Suprema, aveva scritto che il diritto del possesso armi ha i suoi limiti.

Nei più recenti commenti Trump ha abbracciato la Nra dichiarando i suoi membri “come grandi patrioti” suggerendo che i loro avversari non lo sono. Wayne LaPierre, leader della Nra, ha continuato in un discorso attaccando i suoi detrattori etichettandoli come “socialisti stile europeo” che “odiano la libertà individuale e il secondo emendamento”. In realtà coloro che si oppongono alla facile disponibilità di armi da fuoco vogliono per l’America il livello rarissimo di sparatorie tipico dell’Europa ed altri Paesi dove le armi da fuoco sono difficilissime da ottenere.

Domenico Maceri,
PhD, University of California, scrive su politica americana. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.

Domenico Maceri

Domenico Maceri, PhD, University of California, scrive su politica americana. Alcuni dei suoi articoli hanno vinto premi della National Association of Hispanic Publications.

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento