venerdì, 27 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Foibe e fascismo
Pubblicato il 10-02-2018


Nessuno più di noi oggi può ad un tempo e con la medesima intransigenza condannare i massacri di italiani nelle foibe ad opera degli eserciti comunisti titoini e il razzismo di stampo nazifascista che è all’origine dei lager e delle persecuzioni a cominciare da quella che diede origine all’olocausto. Le nuove, vecchie, contrapposizioni finiscono per accreditarne una sola e i cortei che si annunciano in mezza Italia appartengono a una visione parziale, settaria, ottusa della storia e dell’etica politica. Le foibe, negate od oscurate per tanti anni a sinistra, sono il simbolo, uno dei tanti, della ferocia di un regime totalitario e non possono essere considerate una reazione ai crimini, altrettanto feroci, perpetrati dai fascisti in Slovenia e in Croazia. Ad essere infoibati furono migliaia di italiani che nulla avevano a che fare con quelle violenze e la loro fine appare più consona a una strategia di pulizia etnica che non di risposta militare.

Altrettanto si può, si deve dire, del razzismo, che venne importato in Italia dalle sciagurate leggi del 1938, che altro non furono che il logico corollario del patto d’acciaio, contratto da Italia e Germania, dopo l’isolamento italiano dalla Società delle nazioni a seguito dell’invasione dell’Etiopia. Il razzismo, fino al 1938, non era stato un elemento programmatico dell’ideologia fascista, e nel regime non pochi erano i dirigenti di razza ebraica. Le persecuzioni iniziarono da quell’anno con le esclusioni dei bambini ebraici dalle scuole e dei pubblici dipendenti dagli uffici e sfoceranno poi, durante la guerra, nell’approntamento di campi di concentramento e nell’aiuto alla deportazione in Germania anche degli ebrei italiani negli orribili lager di sterminio.

Non credo esista oggi in Italia il rischio del fascismo. Non vedo masse nere pronte a una nuova marcia su Roma e nemmeno un Parlamento ove i neo fascisti possano avere qualche rappresentanza. Casa Pound o Forza Nuova, che pure sono presenti in questa tornata elettorale, resteranno a pancia vuota. Non esiste nessuna possibilità di rinverdire il mito di un comunismo di stampo autoritario. Rifondaroli, rivoluzionari, centri sociali rappresentano oggi poco più di nulla. Esistono invece due pericoli questi sî assolutamente attuali, che finiscono per alimentarsi l’uno dell’altro. Esiste il pericolo, che si sta purtroppo incrementando, di un razzismo verso gli immigrati, siano questi ultimi di origine sub sahariana o di provenienza mediorientale. Esiste, di converso, il mito della società multirazziale, senza regole, di dimensione estetica poetizzante. Come se l’incrocio di culture, tradizioni, religioni, interessi, non costituisse invece un delicato problema da affrontare. Come se non esistesse la necessità dell’individuazione di regole certe da far rispettare per tutti. Ho visto un truce manichino raffigurante il ministro Minniti che penzolava da un ponte sul Tevere, opera di un gruppo di estremisti che lo equiparava ai fascisti. Ho letto frasi di solidarietà a Traini in striscioni e in post e messaggi. Ecco le due tendenze da combattere e che apparentemente si combattono l’un l’altra. Compito dei democratici é combatterle ad un tempo entrambe.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Egregio Direttore, se mi è permesso desidero commentare l’ultimo paragrafo. Neanche io vedo masse nere pronte a marciare, però vedo di peggio: ignoranza della Storia, relativismo che mette in discussione fatti che credevamo ormai acquisiti, indifferenza che sfocia in lassismo da parte delle autorità. Le masse, volendo, si possono fermare ( nel ‘22 sarebbe bastato dichiarare lo stato d’assedio, l’esercito avrebbe disperso le poche e male armate camicie nere e Mussolini, forse, sarebbe finito nello sgabuzzino della Storia ) ma arginare ignoranza e relativismo è molto più difficile. È qualcosa che si insinua nella nostra società, in maniera strisciante, e che si lascia crescere quando invece andrebbe sradicato subito. Questo sta succedendo in Italia, complici malessere sociale e stagnazione economica. Si sta lasciando fare, e troppo, a CasaPound, Forza Nuova, movimenti chiaramente fascisti che operano, crescono, e attirano verso di sé un movimento di grande seguito, la Lega, che un tempo era sinceramente antifascista. Fra un po’ce li troveremo al governo, a parlare di campi di concentramento per i migranti, divieto di soggiorno per i musulmani, chiusura delle frontiere e riscatto della razza bianca. E allora sarà troppo tardi. Non dimentichiamo che Mussolini, l’Italia, più che con le armi se la prese per stanchezza e apatia degli avversari.
    Cordiali saluti, Mario Mosca.

  2. Scrive il Direttore che “esistono invece due pericoli questi sî assolutamente attuali, che finiscono per alimentarsi l’uno dell’altro”, e allora viene da pensare che se siamo giunti a questo punto si può essere autorizzati a credere che in questo campo la politica non sia riuscita a individuare soluzioni per così dire intermedie, o comunque risposte realistiche e soddisfacenti, e quando si genera un tale “vuoto” può succedere che nel sentire comune le posizioni si vadano via via allontanando fino a radicalizzarsi, e lievitino anche le suggestioni (ormai la politica viene molto “colpevolizzata”, anche a torto e oltremisura, ma la politica dovrebbe a sua volta avvertire tutta l’importanza, e la responsabilità, del ruolo che riveste, nella vita del Paese).

    Volendo semplificare il concetto, da un lato stanno quanti vorrebbero un’accoglienza illimitata o quasi, in nome del multiculturalismo, e dall’altro chi ha invece idee ben diverse, se non opposte, per ragioni identitarie o per altri motivi, nel senso che si fronteggiano due modi di vedere differenti e tra loro parecchio distanti, che dovrebbero comunque godere di “pari dignità”, in forza della libertà di opinione e perché ognuno dei due punti di vista rappresenta in fondo lo stato d’animo del Paese, ma mentre il primo circola “indisturbato”, non succede altrettanto per il secondo, almeno questa è l’impressione, dal momento che viene sovente tacciato di nazionalismo, fascismo, razzismo, xenofobia,..…, e c’è anche chi vorrebbe “mandarlo a processo”.

    Paolo B. 10.02.2018

Lascia un commento