venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Germania, dopo Spd anche giovani CDU contro GOKO
Pubblicato il 12-02-2018


merkelI giovani si riprendono la politica… in Germania. Le due formazioni storiche SPD e CDU uscite ammaccate dalle ultime elezioni vengono scosse dai giovani dei rispettivi partiti. Dopo i socialdemocratici tedeschi che hanno messo in forse un nuovo governo di Grosse Koalition a guida Merkel, adesso a seminare dubbi e malumori è lo stesso partito della cancelliera.
La Merkel ha l’opportunità di “creare nuovi volti” nella formazione del gabinetto. Da parte sua Jens Spahn, giovane e nuova stella della CDU, nonché vice ministro dell’Economia uscente nella Grosse Koalition di Angela Merkel, in un’intervista rilasciata al quotidiano austriaco “Die Presse am Sonntag” ha detto di vedere il suo partito preparato per il dopo Merkel. Secondo Spahn, infatti, la Cdu ha brave persone ovunque, in particolare il primo ministro sassone Michael Kretschmer, e il leader del partito della Turingia Mike Mohring, oltre al vicepresidente della formazione politica Julia Kloeckner, Paul Ziemiak e Carsten Linnemann. In una conversazione con la “Frankfurter Allgemeine Zeitung”, l’ex primo ministro della Cdu dell’Assia Roland Koch ha anche chiesto alla Merkel che la loro successione fosse regolata. “La leadership del partito, e anche la leader Angela Merkel, devono agli elettori una risposta alla necessità che per la prossima generazione, la responsabilità prenda il sopravvento”, ha dichiarato Koch. Il politico della Cdu pensa che non abbia senso aspettare fino alle prossime elezioni per un cambiamento nella direzione del partito. Critiche da Spahn anche circa la perdita del ministero delle Finanze, che sarà nelle mani dell’Spd, e di quello dell’Interno, che andrà alla Csu. Non sono mancate le polemiche, inoltre, per il fatto che nessun ministro appartiene all’ex Germania dell’Est. Il primo ministro della Sassonia-Anhalt, Reiner Haseloff, ha dichiarato al “Bayerischer Rundfunk”: “La Baviera ha dodici milioni di abitanti e tre ministri. I nuovi stati federali, che sono stati aggiunti nel 1990, hanno 15 milioni di abitanti e non hanno ministri”.
Ma la Merkel non sembra intenzionata a cedere il passo e fa sapere che governerà per l’intera legislatura. La Cencelliera difende l’accordo con la Spd per la formazione di un nuovo governo di larga coalizione in Germania. “Desidero che la Spd dica di si all’accordo – ha detto – durante i negoziati abbiamo gettato le basi perché questo accada, e perché sia la Spd sia l’Unione Europea siano orgogliosi di questo risultato”.
Ma non dimentica di sottolineare durante un’intervista in tv che i Cristiano Democratici abbiano pagato, dice, un prezzo molto alto sull’altare del compromesso. “La Cdu ha pagato un alto prezzo per garantire la stabilità del governo – ha dichiarato Merkel – A valutare la situazione dal punto di vista delle parti in causa, la CSU ha ottenuto grandi vantaggi e quindi posso dire che la sicurezza interna resta una nostra competenza, l’integrazione pure, siamo tornati a far girare l’econmia: costruire, vivere, affittare…si è trattato di una decisione consapevole perché effettivamente praticabile, nonostante sia anche stato in una certa misura doloroso”. “Abbiamo concordato anche le politiche. Non si può lasciar fare a un ministro delle finanze quello che vorrebbe. Abbiamo in programma il pareggio di bilancio. E le politiche europee le faremo insieme”, ha spiegato la cancelliera in un’intervista alla Zdf.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento