mercoledì, 21 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Insieme: il voto utile competitivo
Pubblicato il 26-02-2018


La lista Insieme, che aggrega socialisti, verdi e prodiani, rappresenta un chiaro segnale all’elettorato. Ne sottolineo almeno tre presupposti caratteristici. Insieme si configura come un soggetto che alimenta il pluralismo nel centro-sinistra. Il Pd non é il centro-sinistra. Non ne rappresenta, in particolare dopo la sconfitta del 4 dicembre del 2016, l’intera sua area elettorale, i suoi sentimenti, le sue aspirazioni, i suoi programmi. In questo senso Prodi ha fornito il suo convinto appoggio. Da sempre il professore ha criticato l’idea di un Pd a vocazione maggioritaria e a maggior ragione addirittura esclusiva. Ne ha sempre assecondato e guidato una rappresentazione ampia e articolata, prima con l’Ulivo e poi, anche troppo vasta, con l’Unione.

Ma c’è un secondo elemento, oltre alla vocazione pluralistica del centro-sinistra, ed è attinente una sua visione identitaria. L’identità non riguarda tanto l’adesione al passato, cioè a una tradizione, ma l’individuazione di un progetto di società per il futuro. Parlo del riformismo sociale ed ecologico, di un orizzonte che senza uno stretto connubio tra equità sociale e sviluppo sostenibile oggi non é neppure pensabile. La convergenza tra socialisti e verdi non nasce dal caso ma dalle cose, dai problemi e spesso dalle catastrofi che stanno interessando l’intero pianeta e anche il nostro Paese e dalla conseguente necessità di uno sviluppo imperniato sulla difesa, il consolidamento e la valorizzazione del territorio, capace di innestare nuova occupazione e sicurezza, e dunque di interessare direttamente la vita dei cittadini. Quel che si definisce eco socialismo, o più modestamente, eco riformismo, é l’unico programma di governo autenticamente progressista.

Poi una terza motivazione, forse la più significativa. Il voto a Insieme é ad un tempo utile e competitivo. Anche se malauguratamente non dovesse raggiungere il 3 per cento i suoi voti non andrebbero ad aumentare la percentuale del Pd. Il voto é utile alla coalizione e non si configura come dannoso al centro-sinistra e paradossalmente utile per gli altri, come il voto a LeU che nei collegi uninominali favorisce i candidati grillini e del centro destra, ma é al contempo competitivo perché offre un’alternativa a chi pur sentendosi di sinistra non vuole votare Pd. Diciamo la verità. Non se se sia un valore aggiunto o meno, ma non è neanche un voto per un uomo (o una donna) sola al comando. Meglio una lista di soggetti politici che una che si caratterizza solo col nome e col volto di un’anziana, anche se stimata, signora.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Condivido! Ed aggiungo : chi ha sponsorizzato la Bonino, ovvero Renzi, se ne pentirà! Lei è solo il cavallo di troia di gruppi d’interesse che hanno ben altri scopi. Altro che diritti civili!

Lascia un commento