giovedì, 15 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Italo agli americani nonostante i dubbi di Della Valle
Pubblicato il 12-02-2018


italo trenoItalo Nuovo Trasporto Viaggiatori ha sottoscritto ieri il contratto di compravendita con il fondo statunitense Global Infrastructure Partners relativo all’intero capitale sociale di Italo. Ad annunciarlo, nella tarda serata di ieri, è stata la società guidata da Flavio Cattaneo e Luca Cordero di Montezemolo. Nonostante i dubbi di Diego Della Valle, socio fondatore di Italo-Ntv con il 17,14% del capitale, esprime il suo dissenso per la decisione di cedere l’azienda ferroviaria al fondo americano Gip che ha affermato il giorno prima della decisione definitiva di cessione: “Ribadisco la mia convinzione che fare l’Ipo e rimanere noi azionisti industriali italiani alla guida della società sarebbe stata la cosa migliore da fare”. Gabriele Galateri, presidente di Generali, respinge le critiche di Diego Della Valle. “Penso che una società privata sia libera di fare le proprie scelte”, senza dimenticare che “gli azionisti hanno deciso all’unanimità” sottolinea Galateri, ha risposto. Di sicuro, Italo “è stato valorizzato, la concorrenza fa sempre bene”, ha chiosato.
Il contratto, la cui esecuzione (closing) è condizionata all’ottenimento dell’autorizzazione antitrust europea prevista per legge, riflette le condizioni comunicate lo scorso 7 febbraio, giorno in cui i soci di Italo hanno comunicato di accettare l’offerta avanzata dal fondo Usa. Il valore complessivo dell’operazione per l’acquisto dell’intero capitale sociale di Italo è di 2,4 miliardi di euro. L’offerta, secondo quanto rende noto Italo, prevede anche la conferma per l’amministratore delegato Flavio Cattaneo e il presidente Montezemolo negli attuali ruoli. È prevista poi la possibilità per gli attuali azionisti di riacquisto di una quota del 25%.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento