domenica, 25 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Luca Fantò
Solidarietà del Psi al docente aggredito a Foggia
Pubblicato il 13-02-2018


La scuola non sta fallendo (qualcuno ne gioirebbe), la scuola si sta battendo con i pochi strumenti lasciati a sua disposizione da trent’anni di pessime riforme che, più o meno scientemente, hanno puntato ad annichilire l’efficacia di questa Istituzione.
Donne e uomini ogni giorno entrano nelle aule, nelle scuole, nelle segreterie scolastiche pronti a fare il proprio dovere, forti solo delle proprie competenze e della propria caparbia fiducia nella funzione vitale della scuola.
La scuola non sta fallendo anzi sta cercando di porre un argine al degrado ed alla disgregazione di un contesto sociale che per questo, sempre di più, si pone nei suoi confronti in maniera ostile.
Il PSI esprime solidarietà al prof. Diana dell’Istituto “Murialdo” di Foggia, vittima dell’ennesima aggressione ad un docente.
E’ necessario che si restituisca al più presto centralità alla professione docente e alla professionalità dell’intero personale scolastico. La dignità con cui donne e uomini si impegnano nella formazione dei nostri giovani deve essere nuovamente riconosciuta, innanzitutto dalla politica.
Il contratto appena rinnovato è stato un segnale utile ma non sufficiente.
E’ necessario rafforzare gli organi collegiali e ripristinare una reale autonomia didattica, dei docenti più che degli Istituti che troppo spesso sono ridotti ad occuparsi della gestione di finanziamenti statali irrisori.
Il PSI è pronto a fare la sua parte, come sempre, per sostenere la scuola pubblica.

Luca Fantò
Referente nazionale PSI scuola

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento