sabato, 17 novembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma. La Raggi vieta i diesel. Bonelli: “Solo uno spot”
Pubblicato il 27-02-2018


dieselgate

Se l’aria di Roma è inquinata la colpa è dei motori diesel. E solo di quelli privati. Tant’è che la sindaca Raggi, di ritorno dal viaggio in Messico dove ha partecipato a degli incontri sull’ambiente, ha annunciato lo stop ai veicoli privati a gasolio nel centro storico di Roma a partire dal 2024. “Roma ha deciso di impegnarsi in prima linea e a Città del Messico, durante il Convegno C40, ho annunciato che, a partire dal 2024, nel centro della città di Roma sarà vietato l’uso di veicoli privati alimentati a diesel”. Ovviamente l’impegno della Raggi vale solo per i mezzi privati e quindi non sul trasporto pubblico. E tenendo conto che l’accesso al centro storico della capitale ai mezzi privati è già limitato, l’effetto reale sull’inquinamento sarebbe di basso impatto. E soprattutto a costo zero per il comune che scaricherebbe gli oneri sui cittadini.

“Le nostre città rischiano di trovarsi di fronte a sfide inattese. Assistiamo sempre più spesso a fenomeni estremi: siccità per lunghi periodi, come sta avvenendo nel Lazio; precipitazioni che in un giorno possono riversare sul terreno la pioggia di un mese intero; o anche nevicate inusuali a bassa quota come quelle che in questi giorni stanno investendo l’Italia. Per questo dobbiamo agire velocemente. Insieme alle altre grandi capitali mondiali, Roma ha deciso di impegnarsi in prima linea e a Città del Messico. Se vogliamo intervenire seriamente dobbiamo avere il coraggio di adottare misure forti. Bisogna agire sulle cause e non soltanto sugli effetti”, conclude il post.

Una questione, quella dell’inquinamento e dello smog, è drammatica. “Non può – afferma in una nota Angelo Bonelli, coordinatore nazionale dei Verdi e tra i promotori della Lista Insieme – essere risolto unicamente con post sui social che non hanno alcun valore, non è un reality show e quando si annunciano iniziative così importanti lo si fa con delibere e atti amministrativi vincolanti, non sui social network. Attendiamo atti amministrativi vincolanti formali.” “In ogni caso – dice ancora Bonelli – tengo a precisare che nell’annuncio della sindaca si fa menzione al divieto per le sole macchine private: i mezzi pubblici diesel dell’Atac sono altamente inquinanti. Un autobus diesel inquina quanto 300 auto, quindi tale divieto dovrebbe riguardare anche i mezzi pubblici presenti attualmente nella flotta. Programmando la loro sostituzione con mezzi ecologici. Come Verdi e Lista Insieme – conclude Bonelli – da alcuni mesi abbiamo lanciato una proposta di legge iniziativa popolare in cui chiediamo l’abolizione motore a scoppio entro il 2030 su tutto il territorio nazionale, proposta sulla quale abbiamo già raccolto 30.000 firme”. “Come Verdi e Lista Insieme – conclude Bonelli – da alcuni mesi abbiamo lanciato una proposta di legge iniziativa popolare in cui chiediamo l’abolizione motore a scoppio entro il 2030 su tutto il territorio nazionale, proposta sulla quale abbiamo già raccolto 30.000 firme”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento