domenica, 22 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sanità: infermieri in piazza. Ma arriva l’accordo
Pubblicato il 23-02-2018


infermieri

Dopo lo sciopero di ieri dei medici annullato all’ultimo minuto, oggi sono scesi in piazza gli infermieri. Nonostante la pioggia, sono molte le bandiere delle sigle sindacali degli infermieri (Nursing e Nursing-up) che sventolano in piazza Santi Apostoli a Roma per manifestare contro il mancato rinnovo del contratto di lavoro del comparto Sanità. “Per il momento siamo circa un migliaio”, dicono fonti dell’organizzazione, “ma nel corso della mattinata arriveremo a circa 2.500 persone”. “Meritiamo un contratto dignitoso”, è la scritta che si legge su un grande striscione sopra un palco al centro della piazza. “Lo stato d’animo dei colleghi – spiega all’Agi Stefano Barone, segretario provinciale di Roma – è di stanchezza, di arrabbiatura e di delusione. Siamo troppo pochi e non riusciamo a far fronte alle richieste che ci arrivano dalle strutture sanitarie. Inoltre su di noi gravano una serie di responsabilità che non ci fanno lavorare in maniera serena. In più – sottolinea ancora Barone – abbiamo un contratto che non ci permette di lavorare in maniera dignitosa. Di questo stanno discutendo in questo momento all’Aran i segretari nazionali dei nostri sindacati. La trattativa è in corso da ieri sera. Dopo 9 anni di blocco abbiamo bisogno di maggior rispetto”, conclude.

Hanno incrociato le braccia circa l’80% degli infermieri italiani. Sono i dati forniti dalle Asl e daidirigenti sindacali Nursing Up rispetto allo sciopero in corso oggi, che hanno registrato il blocco della maggioranza delle attività sanitarie, fatti salvi i servizi garantiti secondo quanto prevedono i contingenti minimi e le urgenze.

Ma proprio oggi è stata siglata la pre-intesa per il rinnovo del contratto del comparto sanità che riguarda circa 540 mila lavoratori tra infermieri, operatori sanitari e amministrativi del Sistema sanitario nazionale. L’aumento delle retribuzioni sarà mediamente di 85 euro a partire dal prossimo mese di marzo. “Firmato il rinnovo del contratto del Comparto sanità. Un passo importante – afferma su twitter il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – per restituire la dignità a migliaia di professionisti che ogni giorno lavorano nel nostro SSN e garantiscono la salute dei nostri cittadini. Adesso andiamo avanti anche per i medici”. Il ministro per la Pubblica amministrazione, Marianna Madia ringrazia “tutti coloro che ogni giorno si occupano della nostra salute. Concluso un percorso a cui stiamo lavorando da quattro anni: il rinnovo del contratto, fermo da quasi 10 anni, di oltre 3 milioni di dipendenti pubblici”.

Per la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, il rinnovo del contratto di lavoro della sanità è “un risultato estremamente importante”, soprattutto perché si torna ad un regime di orario di lavoro che prevede i riposi. “Per noi – ha detto la leader della Cgil – è una notizia importante non solo perché così abbiamo rinnovato tutti i contratti del settore pubblico dopo una intensa fatica ma perché con il contratto della sanità si raggiunge un risultato estremamente importante: si torna ad un regime di orario che prevede il riposo, che e’ stato il grimaldello con il quale nella sanità, in questi anni, sono successe anche cose insopportabili per le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori”.

La firma di oggi per il segretario confederale Uil Antonio Foccillo “rappresenta, dopo una maratona di ormai quasi 10 anni, un traguardo storico per il pubblico impiego”.”Si è trattato di un percorso in salita che ci ha portato a restituire dignità ai lavoratori che, giorno dopo giorno, garantiscono servizi essenziali al Paese. Esattamente come il personale del Ssn che, tra l’altro, ha dovuto far fronte ai continui tagli di questi anni a strutture e organici, con ovvie ripercussioni sui carichi di lavoro”.

Questo rinnovo, continua Foccillo, “riconosce i dovuti incrementi economici, in linea con l’accordo del 30 novembre, e le adeguate tutele, anche ridando ruolo al sindacato nei luoghi di lavoro e mettendo un freno all’unilateralità delle amministrazioni attraverso un nuovo modello di partecipazione. Esprimiamo tutta la nostra soddisfazione per i risultati di questa stagione contrattuale. Senza il nostro impegno e la nostra tenacia – conclude – non si sarebbe avviato il tavolo di trattativa in Aran e i lavoratori avrebbero dovuto attendere ancora altri anni per un rinnovo che invece oggi abbiamo reso possibile”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento