venerdì, 20 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Andrea Zirilli: 
Il valore “lavoro”
Pubblicato il 27-02-2018


Il lavoro non è soltanto un mezzo per vivere, ma anche un valore in sé, perché contribuisce a realizzare la nostra umanità, ci fa sentire utili alla società e agli altri, contribuendo così a dar significato alla nostra esistenza. Pertanto, ognuno di noi desidera fare un lavoro che lo realizzi come uomo e che al contempo gli consenta di condurre una vita dignitosa e sicura. Questo ideale però, raramente si può raggiungere nella sua interezza.

Il lavoro appartiene alla condizione originaria dell’uomo e come diceva il Santo Padre, Giovanni Paolo II, va visto “nel quadro più ampio di un disegno divino, utile ai singoli per la realizzazione dello scopo fondamentale della loro vita”, mentre“l’impegno dell’occupazione di tutte le forze disponibili, è un dovere centrale dell’azione degli uomini di governo, politici, dirigenti sindacali ed imprenditori e, le autorità responsabili, sono preposte perché mettano mano ai provvedimenti necessari a garantire ai lavoratori la giusta retribuzione e la stabilità”.

In queste parole troviamo un invito forte a un impegno costante per tutti gli operatori del mercato del lavoro, in modo tale che fondare la nostra Repubblica sul lavoro, non rimanga solo un principio scritto nel primo articolo della nostra Carta Costituzionale.
Il 4 marzo nel silenzio della cabina elettorale, pensiamo solo a chi considera il lavoro un valore da tutelare.

Andrea Zirilli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento