mercoledì, 25 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Andrea Zirilli:
Integrare scuola e lavoro
Pubblicato il 19-02-2018


Il fenomeno dell’alto numero di giovani che ha terminato la scuola, ma purtroppo non ha ancora trovato un lavoro, è il risultato di uno dei difetti più gravi del nostro mercato del lavoro: il cattivo coordinamento tra sistema scolastico-formativo e tessuto produttivo, che si manifesta anche nella mancanza di servizi efficienti e capillari di orientamento scolastico e professionale. E’uno scenario di cui i giovani non sono direttamente responsabili. Cosa si deve fare?
Serve un serio programma di “prevenzione”, soprattutto nei confronti dei più giovani, per affrontare in particolare la sfida dei cosiddetti “neet” (persone “not in education, employment or training”): i giovani che “non fanno niente”, non vanno a scuola, né cercano occupazione.
Occorre ripensare i modelli di istruzione e di formazione professionale al fine di fare incontrare le esigenze dei giovani con le richieste del mercato del lavoro.
C’è da ripensare l’orientamento scolastico.
C’è da rivalutare l’apprendistato.
C’è da ridare importanza alla formazione tecnica.
C’è da trovare raccordi fra percorsi formativi e percorsi di lavoro per consentire una maggiore spendibilità delle competenze.
C’è da istituzionalizzare percorsi di orientamento per gli studenti dai 14 ai 19 anni, alla presenza delle imprese.
C’è da sfruttare al massimo le agenzie per il lavoro che in questi anni hanno dimostrato di essere soggetti efficaci non solo nell’intermediare domanda e offerta di lavoro, ma anche nell’inserire le persone in percorsi formativi e di continuità professionale e nell’accompagnare i lavoratori in percorsi di ricollocazione professionale.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento