giovedì, 21 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Torna M’illumino di meno, quest’anno il tema “La bellezza del camminare”
Pubblicato il 23-02-2018


m'illumino-meno-2018Torna “M’illumino di meno”, l’iniziativa ideata nel 2005 dal programma “Caterpillar” su Radio2 che chiede a tutti di spegnere le luci alle 18 di venerdì 23 per qualche minuto. Nulla di impossibile, ma che può portare ad un forte risparmio energetico, se si impegnano migliaia di persone contemporaneamente. Il Tema di questa edizione è “la bellezza del camminare”. “Entro il 23 febbraio, giorno della quattordicesima edizione di ‘M’illumino di Meno’, vogliamo simbolicamente raggiungere la luna a piedi e sono 555 milioni di passi. Abbiamo dunque bisogno del contributo di tutti”, dicono gli organizzatori. La camminata collettiva è iniziata il 29 gennaio dall’Arena Civica – Palazzina Appiani nel Parco Sempione di Milano, in diretta su Radio2 e in collaborazione con il Fai – Fondo ambiente italiano. Si è trattato della prima trasmissione radiofonica camminata della storia della radio. L’obiettivo, con tutti i partecipanti, è raggiungere, tra un evento e l’altro, 55 milioni di passi, distanza simbolica tra la Terra e la Luna. L’evento su scala nazionale, vede sempre la partecipazione di numerose istituzioni, comuni, monumenti e musei, che scelgono di ridurre le proprie illuminazioni in una determinata fascia oraria, o per tutta la serata.
‘M’illumino di meno’ ha l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e ha ricevuto la medaglia del Presidente della Repubblica, che domani spegnerà la facciata del Quirinale, così come calerà il buio sul Senato della Repubblica, la Camera dei Deputati, e il Ministero dell’Ambiente e Bankitalia. Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca ha aderito coinvolgendo le scuole italiane di ogni ordine e grado. Partecipano poi il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’Enea, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile e dell’Ispra, Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. E ancora hanno risposto all’appello ASI – Agenzia spaziale italiana, ESA – l’Agenzia spaziale europea e INAF – Istituto Nazionale di Astrofisica e, nel mondo dello sport, tante associazioni (tra le altre la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, la Federazione Italiana Amici della Bicicletta, Ferrara, Monza, Treviso, Melegnano e l’Uisp, l’Unione Italiana Sport Per tutti), anche dilettantistiche.
Il Comune di Cagliari aderisce all’iniziativa e chiede a tutti i cittadini e cittadine di spegnere le luci che non sono indispensabili e per la 14esima edizione, ha annunciato l’assessore alla Pianificazione strategica e Urbanistica, Francesca Ghirra, è previsto “anche lo spegnimento dei motori delle auto”. Nella piazza Garibaldi è in programma un “laboratorio di bici a spinta”, organizzato dall’associazione Amici della Bicicletta e dedicato ai bambini dai 2 anni in su, per imparare l’equilibrio sulle due ruote attraverso il gioco. Prevista anche una “marcia di lettura” con passi al buio, una passeggiata urbana e una pedalata sino al Municipio. In Trentino sono oltre 50 le iniziative organizzate per oggi, con ciaspolate, letture, visite guidate al “buio”, aperitivi, palazzi al buio. Tra i comuni aderenti ci sono Ala, Avio, Canal San Bovo, Cavalese, Castelnuovo, Civezzano, Cles, Croviana, Drena, Dro e Pietramurata, Giovo, Grumes-Altavalle, Lavarone, Levico, Molveno, Mori, Nogaredo, Ossana, Peio, Pellizzano, Predaia, Predazzo, Roncegno, Rovereto, Primiero San Martino di Castrozza, San Michele all’Adige, Sfruz, Sover, Tesero, Trento, Vermiglio, Villa Lagarina e Riva del Garda. E proprio in quest’ultimo centro, da oggi fino al 23 marzo, saranno spente le luci dell’illuminazione pubblica delle passeggiate Belvedere, via Cis e al Bastione, all’esterno del Bastione e le fontane di piazza Garibaldi. A Bolzano c’è uno slogan scelto appositamente dall’amministrazione cittadina: “Usa le scale. Non prendere l’ascensore. Un gradino alla volta verso un stile di vita più salutare anche in ufficio!”. Lo scopo è quello di incentivare l’uso delle scale al posto dell’ascensore come pratica salutare per il corpo e per la mente. Andare a piedi, camminare e muoversi per il risparmio e per la salute.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento