martedì, 24 aprile 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Assunzioni, pensioni, certificazione unica e legge 104, ecco le ultime novità
Pubblicato il 26-03-2018


Inps

NOVITÀ PER ASSUNZIONI

Novità Inps per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Allo scopo di promuovere forme di occupazione giovanile stabile, la legge 205/2017 (legge di bilancio 2018) ha introdotto un nuovo esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati in relazione alle nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti effettuate a partire dal 1° gennaio 2018, con esclusione dei rapporti di apprendistato e dei contratti di lavoro domestico. Nella circolare n. 40 del 2 marzo scorso, l’Inps illustra le condizioni per il diritto all’esonero contributivo e fornisce le istruzioni per l’adeguamento della denuncia contributiva.

L’esonero spetta a condizione che l’assunzione con contratto di lavoro subordinato riguardi soggetti che non abbiano compiuto il trentesimo anno di età e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa.

Per le sole assunzioni effettuate nel corso dell’anno 2018, il limite di età del soggetto da assumere è innalzato fino ai trentacinque anni. La misura dell’incentivo è pari al 50% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, da riparametrare e applicare su base mensile. La durata del beneficio è pari a trentasei mesi a partire dalla data di assunzione.

L’agevolazione può essere riconosciuta anche in caso di mantenimento in servizio, dal 1° gennaio 2018, del lavoratore al termine del periodo di apprendistato, a condizione che questi non abbia compiuto il trentesimo anno di età. In questo caso, il beneficio può essere applicato per un periodo massimo di dodici mesi, fermo restando l’importo massimo pari a 3.000 euro.

L’esonero è, inoltre, elevato nella misura del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail, per trentasei mesi a partire dalla data di assunzione e sempre nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, da riparametrare e applicare su base mensile, nelle ipotesi in cui le assunzioni a tempo indeterminato riguardino giovani che, nei sei mesi precedenti, abbiano svolto presso lo stesso datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

L’agevolazione potrà essere fruita mediante conguaglio operato sulle denunce contributive a partire da mese di competenza marzo 2018. Per il recupero dell’esonero relativo a periodi arretrati eventualmente spettanti, riferiti al periodo compreso tra gennaio e febbraio 2018, i datori di lavoro che abbiano già provveduto alle assunzioni potranno utilizzare i flussi UniEmens dei mesi di competenza marzo, aprile e maggio 2018.

Lavoro

RICONOSCIMENTO L. 104 PER DEPRESSIONE

La legge 104 offre a coloro a cui è rivolta una serie di agevolazioni, previo, innanzitutto, il riconoscimento dello stato di disabilità.

Negli scorsi mesi,  la predetta legislazione di vantaggio per i soggetti diversamente abili ha subito alcune modifiche grazie al nuovo Testo Unico che prevede alcune novità in ambito assistenza anziani e per chi assiste parenti disabili. Tra le principali modifiche che sono state apportate si segnala: nuove detrazioni, un contributo sino a 1900 euro l’anno, contributi previdenziali figurativi per la pensione e la possibilità di chiedere part time e telelavoro da casa.

Anche la depressione, seppure da poco, è annoverata fra le patologie invalidanti che danno diritto ai benefici della legge 104. Il disturbo depressivo maggiore, qualora certificato da un’apposita commissione medica, rientra infatti fra le malattie che possono influenzare in modo negativo sia la vita sociale e lavorativa, sia lo stato di salute complessivo.

Nei casi più gravi – quelli che comportano un vero e proprio handicap con conseguente riduzione della capacità lavorativa – con accertata invalidità e non autosufficienza, è quindi possibile richiedere la 104 per depressione.

“Parliamo di invalidità causata dallo stato ansioso depressivo – precisa il portale di informazione legale La Legge per Tutti – quando dalla depressione deriva una limitazione funzionale significativa con una conseguente riduzione della capacità lavorativa. In particolare, per quanto concerne i casi più frequenti, relativamente alle patologie depressive, le tabelle relative alle percentuali d’invalidità riconoscibile indicano i seguenti valori:

– Sindrome depressiva endoreattiva lieve: 10%

– Sindrome depressiva endoreattiva media: 25%

– Sindrome depressiva endoreattiva grave: dal 31% al 40%

– Sindrome depressiva endogena lieve: 30%

– Sindrome depressiva endogena media: dal 41% al 50%

– Sindrome depressiva endogena grave: dal 71% all’80%

– Nevrosi fobico ossessiva e/o ipocondriaca di media entità: dal 21% al 30%

– Nevrosi fobico ossessiva lieve: 15%

– Nevrosi fobico ossessiva grave: dal 41% al 50%

– Nevrosi ansiosa: 15%

– Psicosi ossessiva: dal 71% all’80%.

In base alla percentuale di invalidità riconosciuta per depressione, l’interessato può aver diritto a diversi benefici ed a prestazioni di assistenza”.

Cosa spetta al richiedente – Qualora, spiegano gli esperti, il lavoratore depresso sia dunque riconosciuto portatore di handicap in situazione di gravità, avrà diritto a tutti i benefici connessi alla legge 104, quali, ad esempio, i permessi retribuiti mensili (diritto di assentarsi per 3 giornate al mese), scelta della sede di lavoro, rifiuto al trasferimento, particolari agevolazioni fiscali.

Come fare domanda – Dopo che il medico curante avrà valutato lo stato depressivo del paziente, verrà emesso un certificato medico introduttivo con l’eventuale indicazione della patologia invalidante riscontrata e dell’handicap, poi trasmesso telematicamente all’Inps.

Allegando il numero di protocollo del certificato, la domanda dovrà essere inviata all’Inps attraverso il servizio, accessibile dal sito Web dell’istituto, ‘Domanda di invalidità’. Se non fosse possibile accedervi via internet, l’istanza potrà essere inoltrata anche tramite patronato o Contact Center. Una volta compilata e trasmessa la domanda correttamente, l’Inps fisserà un appuntamento con la commissione medica Asl per l’accertamento della condizione di svantaggio. Se il richiedente non sarà in grado di recarsi alla visita, sarà possibile richiedere anche una valutazione medico legale dell’handicap direttamente al proprio domicilio.

Importante, i permessi retribuiti rappresentano solo una delle agevolazioni previste per i lavoratori disabili e i parenti che li assistono. Per avere un quadro di riferimento complessivo, si consiglia di leggere con attenzione il portale www.legge104.it.

Pensioni

LAVORATORI CON CONTRIBUTI ALL’ESTERO

I lavoratori comunitari che maturano periodi assicurativi anche in Italia possono presentare all’Inps domanda di pensione in regime comunitario di dipendenti privati.

La domanda di pensione può essere inoltrata dai lavoratori comunitari che hanno perfezionato periodi assicurativi utili alla pensione nei seguenti stati:

nei 28 Paesi membri dell’Unione europea (Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia);

negli Stati SEE (Norvegia, Islanda e Liechtenstein);

in Svizzera.

Possono presentare domanda i residenti in Italia iscritti ad una gestione previdenziale per dipendenti privati dell’Inps che hanno accreditato contributi anche negli Stati sopra elencati. L’istanza di pensione di vecchiaia o anticipata, di invalidità, di inabilità ai superstiti in regime comunitario può essere inviata online all’Inps attraverso il servizio dedicato, tramite contact center al numero 803 164 o attraverso enti e patronati.

Ecco il modello

CERTIFICAZIONE UNICA 2018

E’ online il servizio per visualizzare, scaricare e stampare il modello della Certificazione Unica 2018, relativa ai redditi percepiti nel 2017. Per chi ha come sostituto di imposta l’Inps, è disponibile la certificazione CU 2018, si legge sul sito dell’Istituto. “Il modello è necessario per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Per ottenerlo occorre accedere con le proprie credenziali (Spid o codice fiscale e Pin o Cns) al servizio online dedicato” per poi scaricarlo e stamparlo.

“Per i pensionati – fa sapere l’Inps – la CU è accessibile anche tramite il servizio ‘Cedolino della pensione’. Le certificazioni relative agli anni precedenti possono essere consultate e scaricate invece tramite il servizio Fascicolo Previdenziale del cittadino”.

Calano i giorni di malattia e i certificati

BOERI: 144MILA VISITE FISCALI AI DIPENDENTI PUBBLICI

L’Inps ha effettuato tra settembre e dicembre 2017 144.000 visite fiscali ai dipendenti pubblici, registrando nello stesso periodo un calo dei certificati di malattia del 13,6%. Lo ha recentemente dichiarato il presidente Inps Tito Boeri, presentando i primi dati del polo unico sulle visite fiscali e spiegando che la riduzione dei giorni di malattia è stata del 10,6% a fronte del -3,3% che si è registrato nel settore privato. Secondo Boeri si tratta di dati “incoraggianti”.

Il Polo unico delle visite fiscali che ha dato all’Inps la competenza esclusiva a gestire le visite mediche di controllo anche per l’82% dei lavoratori pubblici “tutela i lavoratori e scoraggia i comportamenti opportunistici”, ha commentato Boeri presentando i primi risultati del Polo unico (riferiti all’ultimo quadrimestre del 2017).

“Ha avuto effetti importanti sui comportamenti – ha detto – nel pubblico si sono ridotti del 13,1% i certificati e del 10,6% i giorni di malattia”. Gli effetti “si sono concentrati sui certificati di breve durata. E’ qui che si concentrano le forme di opportunismo”. Solo il fatto di aver dato all’Inps la gestione dei controlli quindi – ha aggiunto – ha avuto un effetto “deterrente” sui comportamenti scorretti.

Carlo Pareto

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento