venerdì, 21 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Calenda detta la linea, dietrofront se alleanza con M5S
Pubblicato il 07-03-2018


calenda nazarenoIl ministro più popolare del Governo Gentiloni si iscrive al Partito democratico e già detta legge. Carlo Calenda annuncia il suo no a un’alleanza con i pentastellati e nello stesso tempo incorona il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. “Si può ripartire solo se lo si fa insieme. Ultima cosa di cui abbiamo bisogno è arrocco da un lato e desiderio di resa dei conti dall’altro. Ridefinire il nostro messaggio al paese, riaprire iscrizioni e tenersi lontano da M5S. Leader c’è e fa il PDC (Presidente del Consiglio, ndr)“. Così scrive su Twitter Carlo Calenda che ieri aveva annunciato l’iscrivezione al Pd. Il ministro dello Sviluppo economico uscendo dalla sede del Partito democratico al Nazareno mostra la tessera di iscrizione al Pd e annuncia che lunedì sarà presente alla Direzione Dem. “Non parlerò però dato che è la prima volta”, dice conversando con i cronisti.
“Presa di coscienza sul futuro del PD non resa dei conti su passato. Ho sempre parlato chiaro con Renzi ma mi rifiuto di partecipare ora alla rimozione collettiva di un percorso che ha avuto anche tantissimi elementi positivi. Se cercano anti-Renzi non sono io”, chiarisce su Twitter e infine il suo primo veto:


La dirigenza Pd glissa sul suo commento e si concentra a fare tutti gli onori di casa al nuovo arrivato. Dal Vice Martina alla Finocchiaro tutti plaudono all’iniziativa del ministro che è riuscito a farsi amare in un momento in cui il Pd boccheggia e non riesce più a parlare ai lavoratori. Ieri il ministro ha raggiunto gli operai dell’Embraco, accolto dagli applausi. Con lui il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, l’assessora regionale al Lavoro, Gianna Pentenero, l’ad di Invitalia, Domenico Arcuri, e Giampiero Castano, capo dell’Unità Vertenze del Mise. “Vi ringrazio per la determinazione e l’intelligenza dimostrata in questa vicenda, avete fatto una battaglia per voi e il vostro futuro, ma anche per noi, ci avete fatto aprire gli occhi su situazioni che spesso passano sotto silenzio, magari per dimensioni più ridotte”, ha detto il ministro per lo Sviluppo Economico, Carlo Calenda incontrando i lavoratori in assemblea a Riva di Chieti.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento