domenica, 23 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Catalogna, 13 rinvii a giudizio per ribellione
Pubblicato il 23-03-2018


catalognaSono tredici i leader nazionalisti catalani rinviati a giudizio per ribellione – reato che prevede fino a 30 anni di carcere. Tanti sono infatti il leader nazionalistici rinviati a giudizio da Pablo Llarena, giudice del Tribunale supremo spagnolo. A finire sul banco degli imputati ci sono il leader Carles Puigdemont, l’attuale candidato alla presidenza della Generalitat Jordi Turull, Oriol Junqueras, e, tra gli altri, Marta Rovira, segretaria generale dell’Erc, che oggi non si e’ presentata in aula e ha dichiarato di “scegliere la dura strada dell’esilio”.

La segretaria generale del partito indipendentista Sinistra Repubblicana di Catalogna (Erc), Marta Rovira, ha deciso di non presentarsi davanti al giudice della Corte suprema di Madrid e di andare quindi in “esilio”. Lo ha annunciato con una lettera alla radio Rac1. Rovira e’ attualmente indagata per i reati di ribellione e atti sovversivi per il referendum del primo di ottobre 2017, dal giudice Pablo Llarena del Tribunal Supremo. Il 19 febbraio 2018, dopo essere stata interrogata per due ore, le e’ stata accordata la liberta’ su cauzione.

Nel frattempo il candidato separatista Jordi Turull non è riuscito a farsi eleggere alla guida della Catalogna: all’esponente di Junts per Catalaunya (JxCat) sono mancati i quattro voti del partito movimentista Cup, che si e’ astenuto. Al primo turno di votazione, ha ottenuto 64 voti su 135. Contro di lui si sono schierati Ciudadanos, socialisti e popolari. Alla seconda votazione, che si terrà sabato, a Turull basterebbe una maggioranza semplice per essere eletto, ma deve prima comparire davanti a un giudice che potrebbe rimandarlo in carcere.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento