sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

LA RISPOSTA
Pubblicato il 23-03-2018


dazi-doganali

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha partecipato al Consiglio Europeo e alla riunione dei Capi di Stato e di governo della zona Euro svoltosi a Bruxelles dal 22 al 23 marzo 2018.

I temi che interessano particolarmente l’Italia nel Consiglio europeo a Bruxelles sono le relazioni commerciali con gli Stati Uniti, con l’aspettativa che l’Amministrazione Trump conceda una piena esenzione all’Ue dai dazi che saranno imposti alle importazioni di acciaio e alluminio, la questione della protezione dei dati personali, per tenere conto di quello che sta succedendo in questi giorni, con lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica, le nuove proposte (presentate ieri dalla Commissione europea) sulla tassazione delle grandi piattaforme del web, e infine i progressi nel negoziato sulla Brexit, con la situazione molto positiva dopo l’accordo parziale raggiunto sulla tutela, riconosciuta in modo non discrezionale, dei diritti dei cittadini italiani ed europei nel Regno Unito. E’, in sintesi quanto ha detto il premier uscente, Paolo Gentiloni, al suo arrivo al vertice Ue.

Gentiloni ha infine sottolineato l’importanza del suo incontro bilaterale con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, avvenuto immediatamente prima dell’inizio del vertice. In proposito il presidente Gentiloni ha dichiarato: “In una fase così particolare per le cose italiane, in queste settimane di transizione, è molto importante tenere un rapporto e un raccordo con la Commissione europea. E’ il motivo per cui vado ora da Juncker”.

La risposta ai dazi americani sull’acciaio, la nuova proposta di tassazione delle imprese digitali, i rapporti con la Russia e con la Turchia, lo stato dei negoziati per la Brexit e le riforme per il cosiddetto approfondimento dell’Unione economica e monetaria: sono questi i temi al centro del Consiglio europeo di Bruxelles, con i 28 capi di Stato e di governo dell’Ue, e che è proseguito oggi prima con il vertice a 27, senza il Regno Unito, e poi con l’Eurosummit a 19.

Il vertice è iniziato ieri alle 15 con il tradizionale intervento preliminare del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. Poi c’è stato un aggiornamento del premier bulgaro Boiko Borissov, il cui governo detiene la presidenza semestrale del Consiglio Ue, sui principali dossier e negoziati in corso fra i ministri dei Ventotto, e in particolare la riforma (bloccata dall’opposizione dei paesi dell’Est) del regolamento di Dublino sul sistema comune d’asilo.

Sul commercio, i Ventotto hanno espresso il loro sostegno alla posizione della Commissione europea che ha preparato le misure di riequilibrio in risposta ai dazi sull’acciaio (al 25%) e sull’alluminio (al 10%) annunciati dal presidente Usa Donald Trump, nel caso in cui dovessero effettivamente essere applicati contro le importazioni dall’Europa. Uno spiraglio pare essersi aperto dopo l’incontro, ieri a Washington, della commissaria Ue al Commercio Cecilia Malmstroem con il segretario di Stato Usa al Commercio Wilbur Ross. I due hanno concordato, secondo una nota congiunta pubblicata ieri pomeriggio, “di iniziare delle discussioni immediate con l’Amministrazione Trump, con l’obiettivo di individuare un risultato accettabile per entrambi il più rapidamente possibile”.

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha accolto la notizia con “cauto ottimismo”, secondo quanto lui stesso ha dichiarato sempre nel pomeriggio di ieri. L’Ue ha continuato a sperare di poter ottenere un’esclusione totale dall’imposizione dei nuovi dazi Usa. L’esenzione dai dazi Usa, come si è appreso in tarda serata, per adesso è stata accettata.

Il Consiglio europeo ha ratificato la nomina dell’ex ministro spagnolo delle Finanze, Luis de Guindos, a vicepresidente della Banca centrale europea, per un mandato di otto anni non rinnovabile. De Guindos sostituirà l’attuale vicepresidente, il portoghese Vítor Constâncio, a partire dal primo giugno 2018. La decisione dei leader è stata presa, su raccomandazione dell’Ecofin del 20 febbraio scorso, dopo il parere consultivo favorevole del Parlamento europeo e del Consiglio direttivo della Bce.

Il presidente della Bce, Mario Draghi, durante il Consiglio europeo, davanti ai capi di Stato e di governo, ha letto la relazione sull’economia europea descrivendo un quadro fortemente positivo: “La spinta della ripresa continua senza modifiche, basata sui consumi, mentre gli investimenti sono superiori del 7% ai livelli pre-crisi e persino quelli nel settore dell’edilizia residenziale stanno finalmente riprendendo; non abbiamo visto questi tassi di crescita e livelli di investimenti da 10-15 anni. Nell’Ue ci sono oggi 7,8 milioni di posti di lavoro in più rispetto alla metà del 2013, nonostante un aumento del 2% nella forza lavoro, con la partecipazione di più donne e anziani. E tutto questo avviene in una situazione in cui i debiti del settore privato stanno calando e i coefficienti di capitale delle banche in salute sono quasi del 50% più elevati che all’inizio della crisi, mentre i crediti deteriorati Npl si sono ridotti di più del 30%. Tuttavia, ci sono quattro rischi di medio termine, in gran parte esterni all’Ue. Il primo è il protezionismo commerciale, l’affidamento minore che si potrà fare sul multilateralismo, che è il rischio oggi più grande, perché ha conseguenze dirette, comporta il rischio di rappresaglie e alla fine una perdita di fiducia sui mercati. Il secondo è la deregolamentazione finanziaria. Non vogliamo vedere di nuovo la combinazione di politica monetaria poco rigorosa e di deregulation che abbiamo osservato prima della crisi. Il terzo è il repricing degli asset, ovvero la caduta di valore degli attivi. La turbolenza sui mercati negli Stati Uniti all’inizio dell’anno ha interessato solo le azioni ed è stata mitigata dall’economia forte, ma il rischio rimane. La nostra esposizione agli Stati Uniti è piuttosto alta: non siamo un’isola. Il quarto rischio è quello delle politiche di bilancio, che sono pro-cicliche negli Usa, ma anche nell’Ue, dove gli Stati membri stanno pianificando un’espansione della spesa”.

Dopo la discussione, aperta dal presidente della Bce, Mario Draghi, sulla situazione dell’economia nell’Ue, è intervenuto il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, con una relazione sullo stato di avanzamento dell’Unione bancaria, dove permane lo stallo fra i due schieramenti, quello nordico-tedesco che continua a chiedere sempre nuove misure di riduzione del rischio e il fronte, di cui fa parte l’Italia, che considera si debba ora passare alla fase finale della condivisione del rischio (come la garanzia comune dei depositi).

Sono seguiti le conferenze stampa della presidenza e dei leader. I lavori del Consiglio sono proseguiti affrontando prima la tassazione delle imprese digitali (la Commissione europea ha presentato le sue proposte) e poi i rapporti con la Turchia e con la Russia, con riferimento alla vicenda dell’ex spia russa e di sua figlia ridotte in fin di vita a Salisbury.

Su quest’ultimo argomento, l’Unione europea ha deciso di richiamare per consultazioni il proprio ambasciatore a Mosca a seguito dall’avvelenamento dell’ex spia russa Sergei Skripal nel Regno Unito. I leader hanno concordato di richiamare l’ambasciatore Ue a Mosca per consultazioni. Ieri i leader europei hanno definito altamente probabile che la Russia sia responsabile dell’attacco. Alcuni Stati membri starebbero anche valutando l’ipotesi di espellere i diplomatici russi o di richiamare i propri ambasciatori imitando l’atteggiamento già assunto dalla Gran Bretagna. In un comunicato Ue si legge: “Dopo aver concordato sulla responsabilità (dell’avvelenamento di Sergei Skripal), i leader hanno continuato a discutere su come andare oltre le semplici parole e fare qualcosa. Alcuni membri stanno considerando la possibilità di espellere diplomatici russi o di richiamare i propri diplomatici”.

Inoltre, si è parlato anche della vicenda dell’uso improprio dei dati personali tratti da Facebook da parte della Cambridge Analytica.

Il presidente Tusk, parlando alla stampa ha detto: “Dobbiamo aumentare la nostra capacità di resistenza alla minacce ibride, come l’erosione della fiducia nella nostra democrazia attraverso le fake news o la manipolazione delle elezioni. Questo sembra particolarmente rilevante, alla luce delle recenti rivelazioni su Cambridge Analytica. In questo contesto, affronteremo la necessità di garantire pratiche trasparenti, come la piena protezione della privacy dei cittadini e dei loro dati personali da parte dei social network e delle piattaforme digitali”.

In tema di digitale, i leader europei hanno chiesto alla Commissione di presentare entro dicembre un rapporto sull’attuazione delle strategie per il mercato unico sull’Unione digitale, l’Unione del mercato dei capitali e l’Unione energetica, un processo che dovrebbe concludersi prima delle prossime elezioni europee. Il dialogo infine sulla proposta di web tax elaborata dalla Commissione UE è stato avviato.

La seconda giornata del vertice, nel formato a 27 senza il Regno Unito, è iniziata con la discussione sui negoziati per la Brexit, in un clima questa volta decisamente positivo dopo il successo, ancorché parziale, registrato questa settimana per l’accordo di divorzio di Londra dall’Ue, pronto ormai all’80%, e l’intesa sul periodo di transizione, che stava a cuore ai britannici.

Nell’accordo di divorzio sembrano ormai risolte le due questioni fondamentali della garanzia dei diritti acquisiti dei cittadini Ue nel Regno Unito e di quelli britannici nell’Ue, e del regolamento delle pendenze finanziarie. Londra ha accettato di continuare a pagare non solo tutte le suo quote previste nel quadro di bilancio pluriennale 2014-2020, ma anche i propri contributi alle pensioni dei dipendenti britannici delle istituzioni europee fino al 2063.

Sono rimasti due nodi da sciogliere: da una parte la “governance” dell’accordo, per la risoluzione delle controversie, con il Regno Unito che vorrebbe limitare il ruolo della Corte europea di Giustizia solo ai diritti dei cittadini e all’accordo finanziario; dall’altra, la questione irlandese. In quest’ultimo caso un passo avanti c’è stato, perché Londra ha accettato formalmente l’approccio europeo che prevede una soluzione di default, nel caso in cui non si riesca a raggiungere un accordo migliore, consistente nell’allineamento delle regole del mercato nordirlandese a quelle del mercato unico Ue, in modo da evitare di reintrodurre una frontiera “dura” fra la Repubblica d’Irlanda e l’Irlanda del Nord. Questo significa, però, che la frontiera verrebbe spostata nel Mare del Nord, fra l’Ulster e il resto del Regno Unito.

Inoltre, saranno adottate delle linee guida sul quadro degli accordi sulle relazioni future con Londra. In questo contesto, ci sono due grandi temi che saranno affrontati, seppur genericamente, in due allegati delle conclusioni del Vertice: l’aviazione civile e i servizi finanziari.

Per l’aviazione, si pensa a un partenariato con il Regno Unito che permetta ai suoi vettori di operare nell’Ue, anche per il cabotaggio. Per i servizi finanziari, l’idea di base è che i futuri rapporti siano basati sul principio equivalenza: l’Ue prende tutte le misure e le società finanziarie britanniche si impegnano a rispettarle per poter operare nel mercato unico europeo.

Chiuso il vertice a 27, la riunione dei leader è continuata fra i 19 membri dell’Eurozona, che discuteranno delle riforme dell’Unione monetaria. Anche qui, come per l’Unione bancaria, c’è uno stallo dovuto alla divisione fra Germania e paesi nordici, da una parte, che non vogliono sentir parlare di capacità di bilancio dell’Eurozona e di dispositivi europei per aiutare i paesi in crisi (meccanismi di stabilizzazione per gli shock asimmetrici, per esempio sussidi europei di disoccupazione), mentre dall’altra parte Italia, Francia, Spagna e Portogallo premono per questi meccanismi, e perché la loro attivazione sia automatica in caso di necessità.

La speranza di esenzione dei dazi sull’acciaio e sull’alluminio, nel frattempo, è diventata realtà. Il rappresentante del commercio americano, Robert Lighthizer, ha detto: “L’Unione europea, l’Australia, il Canada, il Messico, il Brasile, l’Argentina e la Corea del Sud per ora saranno esclusi dai dazi sull’alluminio e l’acciaio che Donald Trump si sta preparando a imporre”.

Durante la conferenza stampa al summit dell’UE, al presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, gli sono state rivolte diverse domande. Alla domanda rivoltagli in inglese se ha inviato un messaggio augurale a Putin per la rielezione, la risposta lapidaria è stata un secco no. Il primo tema che Tajani ha riportato del suo discorso è stata l’immigrazione: “L’Ue non può perdere ulteriore tempo per affrontare la questione immigrazione. Serve una politica europea che impedisca l’incrementarsi dei flussi nei prossimi anni”. Tajani ha ribadito la posizione dell’Europarlamento sull’asilo (“il Consiglio ora faccia la sua parte per la riforma di Dublino”) e ha dichiarato che “In Italia c’è allarme sociale in relazione alle pressioni migratorie. Occorre un piano Marshall per lo sviluppo sociale ed economico dell’Africa, dalla quale si generano i flussi. È un problema europeo  e l’Unione deve prendere posizioni concrete”.

Il Consiglio dell’UE, si è concluso prendendo posizione su importanti temi in discussione. Il percorso dell’integrazione è lungo e difficile, le intese sono importanti. Non bastano solo i piccoli passi, bisogna pensare anche ai grandi passi per raggiungere l’unità politica.

Superata la questione dei dazi con gli Usa, si è aperta la crisi diplomatica con la Russia.

Salvatore Rondello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento