martedì, 17 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Draghi, voto in Italia è anti-Ue? L’Euro è irreversibile
Pubblicato il 08-03-2018


Draghi-Eurozona

“I dati ci confermano la forte e diffusa spinta della crescita dell’Eurozona, attesa nel breve termine a tassi più forti del previsto”. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi. Tuttavia questa stessa crescita, ha poi sottolineato Draghi, potrebbe essere messa a rischio dal “protezionismo in aumento” e da altri fattori globali, come l’andamento del cambio dell’euro. Molteplici i punti toccati dal presidente della Bce parlando al termine del direttivo della Banca europea a cominciare dal voto in Italia.

Voto Italia anti-Ue? euro è ‘irreversibile’ 
“L’euro è irreversibile”: ha detto il presidente della Bce Mario Draghi in risposta a una domanda che citava l’esito del voto in Italia come segnale di un’affermazione di forze antieuropee, proprio quando altri Paesi dell’Unione stanno cercando di rafforzare la governance delle istituzioni europee. “Davvero non voglio commentare” l’esito delle elezioni, ha detto il presidente della Bce, aggiungendo: “Posso solo dire che l’euro è irreversibile e il rafforzamento dell’Unione monetaria ed economica resta una priorità” e infine ha sottolineato che la “Bce sollecita l’adozione di misure specifiche e decisive per completare l’Unione Bancaria e quella dei mercati capitali”.

No scossone mercati ma instabilità mina . Se protratta nel tempo. Voto accolto come quello di altri Paesi
Quanto accaduto dopo le elezioni in Italia “non suggerisce che i mercati abbiano reagito in un modo che minacci la fiducia”, è accaduto “più o meno” quello visto in altri Paesi. Tuttavia “una instabilità protratta nel tempo potrebbe minacciare la fiducia”: ha detto ancora il presidente della Bce

Pensioni Italia?Conti pubblici importantissimi. Per Paesi con alto debito. Ma non ne abbiamo discusso oggi
“Parlando in termini generali, il bilancio pubblico è di massima importanza nei paesi ad alto debito”: lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, dando una risposta generale a una domanda sulla possibilità che dopo le elezioni l’Italia faccia marcia indietro sulla riforma delle pensioni e sul jobs act. Del caso specifico “Non ne abbiamo discusso oggi”, ha comunque precisato Draghi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento