sabato, 20 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gaza. Sale a 7 il bilancio dei manifestanti uccisi
Pubblicato il 30-03-2018


Gaza-morti

Violenti scontri a Gaza. Sale a 7 il bilancio dei manifestanti palestinesi uccisi durante gli scontri con l’esercito israeliano lungo il confine con Gaz per il ‘Land Day’. Lo riportano i media palestinesi che citano fonti mediche della Striscia. L’agenzia Wafa indica anche un numero di circa 500 feriti.

L’esercito israeliano ha calcolato in circa 17mila i manifestanti che “stanno lanciando bombe incendiare e sassi”. Gli scontri nei pressi del reticolato che divide Gaza da Israele, dove è in atto la ‘Marcia per il ritorno’ nell’ambito del ‘Land day’. I media palestinesi parlano anche di 100 feriti in totale. Il secondo manifestante ucciso, Mohammed Kamal Najjar, aveva 25 anni.

Migliaia sono i palestinesi in “sommossa in sei luoghi lungo la Striscia di Gaza, bruciando gomme, lanciando sassi alla barriera di sicurezza e verso le truppe israeliane che rispondono con mezzi di dispersione e sparando verso i principali istigatori”, riferisce l’esercito israeliano sottolineando che Hamas “mette in pericolo le vite dei civili e le usa a fini terroristici, è responsabile dei disordini violenti e di tutto quello che avviene sotto i suoi auspici”.

L’esercito israeliano sottolinea di vedere “con grande severità ogni tentativo di far breccia nella sovranità israeliana o di danneggiare la barriera difensiva”. L’esercito ha poi spiegato di aver “imposto una zona militare chiusa tutto attorno alla Striscia in accordo con la situazione in atto. Con il rinforzo delle truppe, l’esercito, se necessario è preparato a rispondere – ha continuato – ai violenti disordini programmati lungo il confine della Striscia”.

Il ministro della difesa Avigdor Lieberman ha avvisato in arabo, sul suo profilo Twitter, che “ogni palestinese che da Gaza si avvicina alla barriera di sicurezza con Israele metterà la propria vita a rischio”. L’avviso si riferisce alla situazione di tensione in corso alla frontiera con Gaza.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Da socialista, amante della Libertà e della Giustizia,esprimo il mio orrore, sdegno, profondo disgusto nei confronti di uno stato arrogante e superarmato che apre il fuoco su dei civili, massacrando persone che manifestano per il sacrosanto diritto alla terra loro sottratta e alla libera circolazione. Sono anni che Israele affama e umilia il popolo palestinese. La storia di Davide e Golia ormai è capovolta, ma il mondo cosiddetto “occidentale” tace. Tanto i morti palestinesi saranno sempre morti di serie C.

Lascia un commento