mercoledì, 18 luglio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Carnevale della Pace per il rilancio per la capitale
Pubblicato il 29-03-2018


romaÈ stato presentato a Roma l’ambizioso progetto “Colori per la pace – CarnevalPeace” originato da un’idea di Adriano Barghetti e Claudio Bertolaccini rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione culturale Paese d’Autremond, che è stato condiviso da Antonio Giannelli presidente dell’Associazione I Colori per la Pace. Già sostenuto dal Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema, il progetto ha entusiasmato anche Cristina Ciferri presidente dell’Accademia Nazionale Comunicazione e Immagine e dell’Accademia Nazionale Professioni Alberghiere, e Viviana Toniolo direttore artistico del Teatro Vittoria, che saranno partner strategiche attraverso le competenze di comunicazione, formazione e cultura delle proprie strutture organizzative.

Divulgare il messaggio di pace universale e favorire la crescita culturale di Roma rilanciandone l’immagine a livello internazionale è la comune visione, sulla scia del successo del Carnevale di Viareggio che segnò la rinascita della città dalle macerie della guerra, che oggi nei 5 corsi mascherati genera un indotto di 25 milioni di euro e di Lucca Comics che in 5 giorni ne incassa 50 milioni.

Gli ideatori prevedono due anni di preparazione, durante i quali avviare un tavolo congiunto tra il Comune di Roma e la Regione Lazio, con il coinvolgimento di Cinecittà dove realizzare il Carro Internazionale della Pace su bozzetto di una personalità di chiara fama scelta dal sindaco, che sfilerà al Circo Massimo preceduto da una mascherata di tutti i paesi. La festa durerà 11 giorni e si diffonderà capillarmente nei 15 Municipi, ognuno dei quali realizzerà un proprio carro e una propria mascherata preceduta dalla sfilata del Carnevale Romano con aurighe e centurioni per omaggiare la tradizione.

Nel Circo Massimo verrà installata una scenografia progettata dagli studenti dei licei artistici e tecnici e l’esposizione dei disegni sul tema della pace dei bambini, mentre negli stand lungo il percorso verso il Palatino le regioni proporranno le proprie tipicità. Inoltre, camminate carnevalesche nei territori ed eventi sportivi. Nella serata conclusiva il sindaco estrarrà a sorte lo Stato al quale donare il Carro della Pace come auspicio ad aderire all’iniziativa aprendo un proprio centro per condividere il messaggio fra i popoli.

Per il primo bozzetto del Carro della Pace si pensa a Roberto Benigni, artista noto anche fuori dai patri confini e messaggero di solidale speranza.

Un carnevale, quindi, che non sarà solo dissacrante divertimento ma alfiere di un messaggio sociale che sviluppi un collante tra centro e periferia, il Paese e la sua capitale, l’Italia e il mondo.

Per tale grandioso progetto i promotori si prefiggono un fruttuoso utilizzo dei fondi europei da integrare col contributo delle Regioni e degli sponsor mentre confidano nella sensibilità delle Istituzioni per il valido supporto di un’adeguata offerta turistico-culturale che incoraggi le presenze.

L’iniziativa rappresenterà una valorizzazione d’immagine e un volano per l’economia della capitale, creando circa 250 posti di lavoro per 10 mesi l’anno e oltre 1000 addetti temporanei durante il carnevale, con maestranze per la realizzazione dei carri (pittori, truccatori, carpentieri, sarti, cassieri, addetti alla sicurezza, ecc.).

Cristina Ciferri, da anni impegnata nel campo della formazione professionale con la gestione e la direzione di tre scuole dedicate a comunicazione turismo e ristorazione (ANCI, ANPA, Ateneo del Gelato Italiano), mettendo a disposizione il ricco know how, ha progettato la creazione dell’ANAC – Accademia Nazionale Arte Cartapesta cioè il Laboratorio-Officina dell’Arte della Carta a Calco e Bottega del Carnevale Romano, insieme a Claudio Bertolaccini, Adriano Barghetti, Enrico Vannucci e Pasquale Morea, dove verranno insegnate le tecniche per produrre la carta a calco o cartapesta e le tecniche pittoriche e di finitura, l’arte presepiale, arredi urbani, arte vetrinistica per i negozi, scenografie teatrali, museografia, creazioni libere e molto altro.

I corsi saranno di varia tipologia, base, avanzati, specialistici e monotematici come i percorsi formativi per la realizzazione di maschere e burattini o destinati a precisi obiettivi professionali ed artistici e mirati a specifici target di utenza. Accessibili a tutti, studenti e professionisti, italiani e stranieri, potrebbero essere introdotti nelle scuole per favorire lo sviluppo di creatività e manualità con il recupero dei materiali.

Il laboratorio-officina diventerà Bottega Stabile per la realizzazione dei carri, formando risorse professionali per rilanciare un antico e affascinante mestiere che produrrà lavoro oltre il carnevale, sotto la guida del maestro Enrico Vannucci che rivelerà i segreti del suo magico mestiere, col quale ha trionfato in numerosi corsi mascherati di Viareggio, illustrando le tecniche di modellatura, colorazione della carta a calco, effetti coreografici e gli ingranaggi meccanici per i movimenti. Ingaggiata tar gli insegnanti anche Maria Attilia Fabbri Dall’Oglio studiosa e storica della cucina, dell’apparecchiatura, della tavola e del costume dall’antichità ai nostri giorni e studiosa del Carnevale Romano che terrà lezioni sulla storia dell’arte della carta pesta, rinvigorendo il ricordo dello splendore artistico di Roma. Le opere create dagli allievi verranno esposte a fine corso.

Pace e carnevale, un connubio che abbracciando tutti i popoli si trasforma in fattore di crescita economica e fonte di occupazione, rampa di lancio per la promozione di Roma Capitale e occasione per recuperare la valenza storica del fastoso Carnevale Romano, momento di euforica partecipazione del popolo e dell’aristocrazia.

Non un sogno, ma un progetto concreto che avrà bisogno della collaborazione sinergica delle istituzioni, delle associazioni professionali turistiche (alberghiere e della ristorazione), dei rappresentanti della cultura, del mondo dell’impresa, dei mezzi di informazione, delle scuole e dei cittadini, perché Roma sia ambasciatrice di cultura e di bellezza!

Tania Turnaturi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento